Caraibi, Cuba si prepara per una nuova stagione di crociere

Sette punti della geografia cubana serviranno come scali per diverse crociere durante l’alta stagione turistica sull’isola, che si estenderà dal 21 novembre 2014 al 10 aprile 2015. La prossima stagione crocieristica promette di essere una delle più dinamiche degli ultimi anni, infatti 13 navi hanno chiesto di entrare nei porti cubani dal 21 novembre fino al 10 aprile 2015, ha fatto sapere il direttore di Aries Transportes SA, Norberto Pérez.

Queste navi arriveranno a L’Avana, Santiago di Cuba, Cienfuegos e sulla spiaggia di Punta Frances sulla Isola della Gioventù, oltre a visitare il porto orientale di Antilla nella provincia di Holguin; la spiaggia di Ancón vicino alla città di Trinidad, e Rancho Luna, nella provincia meridionale di Cienfuegos. Si prevede il ritorno della crociera Louis Cristal, unica che ha fissato il suo porto madre a L’Avana e che realizzerà una circumnavigazione settimanale dell’isola con scali in vari porti del Paese, ha detto il responsabile di Aries Transportes SA, la società che gestisce l’attività delle crociere a Cuba.

Come ha pubblicato Hosteltur Cuba riceverà più di 200 crociere il prossimo inverno e ci saranno anche altre navi, anche se alcune sono molto piccole come la “Panorama” e il veliero “Stard Flyer”, che percorreranno la costa meridionale dell’arcipelago. Secondo le previsioni, questa volta sarà superata la fase precedente, che ha registrato l’ingresso di 12 crociere con 82 scali e quest’anno potrebbe concludersi con 141 scali e una media di 35.000 passeggeri. Norberto Pérez ha detto che l’isola ha maggiori possibilità, infatti, a suo parere, le strutture sono sottoutilizzate dal 1995, quando si sono create le condizioni per lo sviluppo di questa modalità, che non è mai stata sfruttata più del 10% della capacità dell’infrastruttura .

Secondo gli esperti, l’infrastruttura portuale cubano supporta l’ingresso di 21 crociere settimanali attraverso i porti a L’Avana, nelle province di Santiago de Cuba (sud-est) e di Cienfuegos (al centro) e sull’Isola della Gioventù (sud-ovest). “Considerando le strutture che abbiamo e le operazioni che si possono fare con una occupazione media di 1.090 navi passeggeri, possiamo dire che muoveremmo in un anno, 1.190.800 passeggeri e 161.200 membri dell’equipaggio”, ha detto Pérez.

L’anno più impegnato nelle operazioni è stato il 2005, quando sono stati realizzati 122 scali con 102.440 passeggeri. Il Turismo da crociera a Cuba è sceso dell’89% dal 2005 al 2007, passando da 102.440 a 11.000 visitatori in seguito all’acquisto da parte della società americana Royal Caribbean della spagnola Pullmantur, proprietaria della nave “Holiday Dream” che viaggiava regolarmente lungo l’isola e lasciava più di 15 milioni di dollari di entrate. Nel 2009, le operazioni sono state riprese dopo una pausa, e sono stati calcolati circa 20 scali con circa 6.368 passeggeri. Ha detto che a causa dell’embargo degli Stati Uniti, in vigore dal 1962, Cuba ha smesso di ricevere tra il 2013 e quest’anno più di 149 milioni di dollari.