Cadavere nel bagagliaio, è mistero nell’Alessandrino

Lo hanno trovato nel bagagliaio della sua auto, ormai privo di vita, con i segni che ad una prima occhiata sembrano quelli di bastonate alla testa. Franco Domenico Belsito, 52 anni, artigiano, e’ stato ammazzato. E l’orrore e’ piombato su Lu, grappolo di case sulle colline del Monferrato, e su Gavi, il centro dell’Alessandrino in cui l’uomo aveva scelto di vivere con la moglie Giuseppina e la figlioletta di cinque anni.

I carabinieri di Alessandria sono al lavoro per risolvere l’enigma. Quattro persone sono state interrogate per l’intera giornata. E dalle analisi scientifiche si attendono molte risposte utili: causa della morte, tempi e dinamica dell’aggressione. L’allarme e’ scattato verso le 23 di ieri, quando qualcuno ha telefonato al 112 raccontando di una vecchia Fiat Croma parcheggiata da almeno un paio di giorni nel centro di Lu, davanti a un ristorante.

La vettura era aperta, le chiavi erano infilate nel cruscotto; e nel bagagliaio, in giubbotto, jeans e maglietta, c’era il cadavere. Nessuno, a Gavi, riesce a capacitarsi. Nessuno riesce a pensare che un uomo come Belsito, descritto un "gran lavoratore" dai mille mestieri, avesse dei nemici.

Franco, come lo chiamavano tutti, era nato a Sant’Onofrio, in provincia di Vibo Valentia. A Gavi era arrivato dodici anni fa per stabilirsi con la moglie in una palazzina in localita’ Bettolino. Era stimato e benvoluto, era l’artigiano al quale ci si rivolgeva quando si aveva bisogno di un idraulico, di un muratore, persino di un meccanico. Resta il mistero sulle sue ultime ore di vita. L’ipotesi di qualche legame con la criminalita’ organizzata calabrese che si e’ insediata nel Basso Piemonte e nella vicina Liguria e’ stata esclusa del tutto: il nome di Belsito non dice niente agli investigatori della Dia e della Dda. Quanto al resto, non si trascura nessuno scenario.

Il pubblico ministero Fabrizio Givri, che sta coordinando le indagini dei carabinieri alessandrini, ha ordinato l’autopsia. Oltre alla vecchia Croma di Belsito e’ stata rimossa – per essere sottoposta a controlli – anche una vettura parcheggiata vicino. E si sta cercando di capire se le telecamere di sicurezza installate su alcuni edifici di Lu (come il municipio) abbiano catturato qualche immagine che possa essere d’aiuto.