Alfano, l’Udc se la tira e Area Popolare è un binario morto

– Piu’ Tosi che Cesa. Piu’ il movimento del sindaco di Verona che l’Udc. Davanti alla direzione di Ncd Angelino Alfano ammette: "Le cose le faremmo meglio con gli altri, ma Berlusconi aveva ragione quando diceva che non si possono aggregare i partitini per colpa dei loro piccoli leader. Non vi posso raccontare i miei incontri con gli altri…". Poi, pero’ rivela: "Tra i grandi siamo i piu’ piccoli, ma tra i piccoli siamo i piu’ grandi. Quando incontro Renzi e’ un conto, ma quando incontro questi qui torno alto un metro e 83. Vi assicuro che il piu’ umile sono io, gli altri cominciano a ragionare complessi. Sono loro che se la tirano. Purtroppo- sottolinea- dobbiamo tener conto di questo dettaglio politico e psichiatrico".

Se per Cesa Area popolare e’ a un binario morto, anche Alfano sembra guardare altrove: "Vengo qui confortato da una telefonata con Tosi. Con lui potremmo fare, se ci sono le condizioni, un movimento liberal popolare". Alfano boccia la manifestazione di Salvini e Berlusconi ("È il passaggio del testimone") e osserva: "È un’opportunita’, perche’ tutti quelli che non vanno possono fare un altro palco", dice metaforicamente. Parla persino di Fitto ("Per lui provo simpatia, nonostante il faticoso travaglio di questi mesi. L’8 fa una manifestazione a Roma per dire che sono loro il centrodestra") e Passera ("Vediamo che fine fa a Milano, lui e’ un altro che dice ‘faccio tutto da solo’"). E annuncia: "Abbiamo la nuova sede del partito in via del Corso, domani ci danno le chiavi".