Repubblica Dominicana e Italia, presentate a Firenze qualità e virtù del tabacco dominicano [FOTO]

Le straordinarie condizioni climatiche della RD e le tecniche trasmesse di generazione in generazione danno vita a un prodotto di altissima qualità

Tabacco dominicano, apprezzato in tutto il mondo

L’incantevole location di Villa Morulli, sulle colline di Careggi, a Firenze, ha fatto da cornice ad un eccezionale evento di gala organizzato dall’Associazione dei produttori di sigari della Repubblica Dominicana, Procigar, con la partecipazione dell’Ambasciatrice Dominicana a Roma e dei rappresentanti della Regione Toscana e del Comune di Firenze.

Henke Kelner, uno dei più famosi cigar blender, presidente di Procigar e manager della Davidoff, che ha la sua sede in Repubblica Dominicana, era giunto direttamente da Santo Domingo per presenziare all’evento, di cui Enrico della Pietà, brand manager di Davidoff Italia, è stato l’anfitrione.

Fondata nel 1992, l’associazione Procigar riunisce i più importanti brand di sigari dominicani con l’obiettivo di preservare e promuovere questa antica eredità della Repubblica Dominicana. Attualmente il tabacco è il prodotto agricolo che contribuisce maggiormente all’economia dominicana, con un introito di oltre 600.000.000 dollari e più di 120.000 posti di lavoro.

Le straordinarie condizioni climatiche e le tecniche trasmesse di generazione in generazione danno vita a un prodotto di altissima qualità. La Repubblica Dominicana è attualmente il primo Paese al mondo per produzione ed esportazione di sigari ‘’premium’’ (fatti a mano), con 210 milioni di pezzi all’anno e il 42% dell’esportazione mondiale. Nessun altro Paese è così qualificato da meritarsi il titolo di “Cigar Land”, ha sottolineato Kelner.

Comments