ZUPPE | Da quella di cipolla francese alla ribollita toscana

La zuppa è una minestra brodosa e liquida in cui si mette in ammollo il pane tostato o fritto. E poi si aggiungono gli ingredienti a piacere e il palato si stuzzica.

La soupe à l’oignon francese è la maestra, poi ci sono le nostrane carabaccia fiorentina, le varie ribollite, la zuppa di lenticchie di Colfiorito con i gamberi, quella di topinambur con crema e tartufo nero e quella thai. Miscellanee di tradizione regionale e internazionale. Un etno-mix di stili culinari dove la parola d’ordine è contaminare. E il palato si fa sempre più raffinato, alla ricerca di squisitezze e novità.

Un paradiso per gli chef, stellati o no, sempre alla da conquista di nuovi gusti da sottoporre ad un pubblico gourmand, sempre più amante degli sfizi.

La zuppa è una minestra brodosa e liquida in cui si mette in ammollo il pane tostato o fritto. E poi si aggiungono gli ingredienti a piacere e il palato si stuzzica.

La soupe à l’oignon (zuppa di cipolla) è un piatto tipico della cucina francese. Pare che la sua origine risalga all’antica Roma, ma la sua versione moderna, a base di brodo e di carne, contornata con crostini e pane gratinato, è stata perfezionata nel XVIII secolo in Francia.

La versione toscana della soupe à l’oignon è la carabaccia, alcuni la chiamano zuppa di cipolle fiorentina di Caterina de’ Medici. Un piatto semplice e nello stesso tempo sfizioso. Nella ricetta originale ci sono anche le mandorle, l’aceto, la cannella e lo zucchero.

La ribollita è una zuppa toscana, preparata con le verdure della stagione autunnale. Protagonista è il cavolo, abbinato al pane abbrustolito, immerso in uno squisito brodo. Occorre ricordare che i fagioli cannellini da unire al cavolo, devono stare una notte in ammollo e due ore di riposo in frigorifero, prima di essere serviti a tavola.

La zuppa di topinambur è una ricetta light, perfetta per le diete. Il top degli ingredienti è il topinambur, il tubero che proviene dal Sud America. A quello si aggiungono anche la patata, lo scalogno, i funghi, e naturalmente il brodo vegetale.

La zuppa thai ai gamberi è nata per stuzzicare l’appetito, perché in essa si mescolano insieme sapori dolci, salati e aromi piccanti. Un mix di gamberi, latte di cocco, cipollotti, peperoni, zenzero, zucchero di canna, salsa di soia, germogli, spinaci.