Vino, Slow Wine: è siciliano il ‘produttore più sostenibile’

Al Salone del Gusto di Torino, in occasione della presentazione della nuova guida Slow Wine, Carlo Cracco, in qualita’ di ambasciatore del sughero, ha consegnato a Gianfranco Daino di Caltagirone il premio come produttore di vino piu’ sostenibile 2014, selezionato da Slow Wine. Il viticoltore siciliano annovera tra i suoi vini il Suber, che prende il suo nome da quello di esemplari maestosi di Quercus Suber presenti nel Bosco di Santo Pietro, parco naturale del comune di Caltagirone, nel catanese.

Il Salone del Gusto, che quest’anno ha avuto come focus l’agricoltura familiare, e’ un appuntamento imperdibile per chi vuole fare il punto sull’impegno verso il territorio e l’ambiente e sulle numerose questioni legate al cibo, alla produzione sostenibile e alla salvaguardia della biodiversita’. Anche il sughero e’ un prodotto che contribuisce alla tutela ambientale e le sugherete, grazie alle loro caratteristiche, non solo sono capaci di assorbire ogni anno piu’ di 14 milioni di tonnellate di CO2, ma sono anche l’habitat naturale di svariate specie animali, salvaguardando cosi’ l’aspetto fondamentale della biodiversita’. Il sughero e’ inoltre un alleato chiave del buon vino, in quanto preserva le sue migliori caratteristiche nel tempo.

"Il sughero e’ un prezioso patrimonio dal punto di vista culturale, ambientale ed economico, oltre a rappresentare una vera e propria eccellenza italiana ed europea. Nel mio ruolo di ambasciatore del sughero in Italia, ho voluto portare il mio contributo per far conoscere le infinite peculiarita’ di questo eccezionale materiale che la natura ci offre", ha dichiarato lo chef Carlo Cracco, aggiungendo: "Pertanto consegnare questo premio significa affermare che ‘la cantina piu’ sostenibile’ non puo’ prescindere dalla scelta del sughero come miglior tappatura non solo per preservare intatte le qualita’ del vino, ma anche per rispettare l’ambiente e favorire uno sviluppo sostenibile".

Carlo Petrini, presidente di Slow Food, ha evidenziato l’importanza di un settore come quello vitivinicolo, invitando gli operatori presenti a ‘fare squadra con tutta l’agricoltura, in una coesione fra produttori, contadini, chef, consumatori, tutti componenti di un comparto che e’ fra i piu’ forti e prestigiosi del nostro Paese’". "Il Salone del Gusto e’ un’occasione importante per rafforzare il legame tra sughero e Slow Food, partner prestigioso e autorevole, che aveva gia’ partecipato alla precedente campagna italiana – commenta Mauro Ganau, consigliere incaricato gruppo sughero Federlegno per la campagna di promozione del sughero Intercork II. "Si conferma cosi’ – aggiunge – la condivisione di valori importanti come la tutela e la valorizzazione delle tradizioni enogastronomiche del nostro Paese, uniti al rispetto per la natura e l’ambiente".