Pizzaiolo suicida, dopo 8 mesi la moglie riapre il locale

Nel febbraio scorso Eddy De Falco, titolare di una pizzetteria, si uccise a 43 anni dopo aver ricevuto una multa di duemila euro dall’Ispettorato del lavoro, elevata perche’ la moglie Lucia lavorava senza regolare contratto nell’esercizio di Casalnuovo. Un evento che sollevo’ dolore, interrogativi, polemiche. Stasera quel locale riapre, dopo otto mesi di chiusura. Un risultato frutto della solidarieta’ di tanti e della tenacia di Lucia, la quale rivolge un appello alle istituzioni: ”Lo Stato venga un po’ piu’ incontro ai piccoli commercianti. Invece di ‘aiutarli’ a chiudere, li aiuti a restare aperti”.

Alla riapertura della pizzetteria sono attesi il vicepresidente alla Camera, Luigi Di Maio, il sindaco di Casalnuovo, Antonio Peluso, e molte altre autorita’. Un giorno che dovrebbe essere di festa, ma che per Lucia significa riaprire la ferita per la perdita del marito. ”Oggi per me e’ un giorno importante – ha spiegato la donna – perche’ riapro l’attivita’ che Eddy ha creato con tanto impegno, ma lo faccio con immensa tristezza, perche’ avrei voluto che lui invece fosse qui con me. Ci aveva messo l’anima per vent’anni. Poi un po’ la crisi, un po’ il desiderio di riportarla in carreggiata con un investimento per la sua ristrutturazione, siamo andati giu’. Ed alla fine e’ successo quello che e’ successo. Ma ora lo Stato non ci abbandoni”.

La morte di De Falco aveva scatenato le polemiche di commercianti, cittadini, politici, che chiedevano una maggiore ”flessibilita”’ da parte dell’Ispettorato del lavoro nei casi di evidente difficolta’ economica dei gestori di piccole attivita’ commerciali. Ed erano anche state pronunciate parole dure dal fratello dell’uomo, che aveva accusato lo Stato di aver dato troppo poco tempo ad Eddy per pagare la multa. Lucia, in questi otto mesi, non e’ stata, invece, abbandonata dai parenti, dagli amici, dai commercianti di Casalnuovo, e da tante persone che da tutta Italia hanno voluto manifestare la propria solidarieta’ alla donna ed ai suoi tre figli, una ragazzina di 15 anni e due gemelli, un maschio ed una femmina, di 6. Per loro, oggi, Speedypizza riaprira’ i battenti in maniera festosa, con una serata condotta da Mario Pelliccia, tra musica, canti, e naturalmente la degustazione delle pietanze del locale.