#VIETATODIMENTICARE | Con il MAIE continuiamo a seminare benessere per gli italiani nel mondo [VIDEO]

Il MAIE continua a crescere e ad essere rappresentato in quasi tutti i paesi del continente americano. Insieme possiamo generare cambiamenti importanti

Per noi del Movimento Associativo Italiani all’Estero il sostegno di tutti gli italiani e dei loro discendenti è essenziale per lo sviluppo di una politica equa e coerente per tutti i residenti all’estero. È molto facile essere in Italia e da lì credere di conoscere le esigenze degli italiani nel mondo.

Dobbiamo essere rappresentati in ciascuno dei paesi che possiamo raggiungere e stare con loro, visitarli, conoscerli, comprenderne i bisogni reali, comprendere la cultura dei paesi in cui vivono e vedere come generare legami tra le nazioni. Questo è uno dei pilastri principali del nostro movimento.

Il MAIE continua a crescere e ad essere rappresentato in quasi tutti i paesi del continente americano.

Per conoscere il malessere dei nostri cittadini e dei loro discendenti, è necessario vivere come loro, le politiche dei loro paesi, la cultura, il modo di pensare, di reagire, ecc. E in questo modo, definire quali sono gli aiuti necessari a generare un cambiamento dall’Italia che sia benefico. E questo lo si può fare solo con i rappresentanti del movimento che vivono in America o in qualsiasi altro continente.

ITALIACHIAMAITALIA EN ESPAÑOL | ProhibidoOlvidar | Con el MAIE podemos generar cambios importantes para los italianos en el exterior [VIDEO]

Ricky Filosa, Coordinatore del MAIE in Nord e Centro America, ci offre trenta secondi di video per ribadire agli italiani che il MAIE è diverso dai partiti romani e può davvero essere l’alternativa per gli italiani nel mondo. Tutti possono finalmente votare per un movimento autonomo e indipendente dalla partitocrazia romana, sempre in prima linea per gli interessi delle comunità italiane oltre il confine.

INSIEME POSSIAMO GENERARE CAMBIAMENTI IMPORTANTI

“Non possiamo dimenticare che i governi del passato hanno massacrato i nostri bisogni e soprattutto i nostri diritti. Hanno chiuso ambasciate, consolati e istituti di Cultura, ridotto i fondi per i patronati e le camere di commercio all’estero, nonché per la promozione della lingua italiana nel mondo…”. Guarda il video di Ricky Filosa

*Coordinatore MAIE per gli italo-venezuelani in Costa Rica e responsabile comunicazione MAIE CR