Venezuela, Maduro respinge delegazione di europarlamentari. Moavero, “gesto che non aiuta il dialogo”

Il titolare della Farnesina: "L'apertura al dialogo è una condizione imprescindibile per superare, in modo pacifico e costruttivo, la gravissima crisi politica e istituzionale in Venezuela”

Gli aerei americani continuano ad ammassare aiuti umanitari in Colombia, al confine con il Venezuela, secondo il New York Times. La principale destinazione e’ Cucuta, citta’ di 750 mila abitanti travolti dalla massiccia emigrazione di venezuelani che da anni varcano la frontiera.

Proprio qui venerdì prossimo sono attese oltre 100 mila persone ad un concerto promosso da organizzatori stranieri contro il governo di Caracas. Il giorno dopo invece esponenti dell’opposizione di Caracas sostenuti dagli Usa intendono guidare migliaia di manifestanti, vestiti di bianco, al confine per sfidare la guardia nazionale. E a quel punto tutto potrebbe davvero accadere.

Intanto oggi la dittatura di Maduro ha impedito l’accesso al Paese di una missione di europarlamentari in Venezuela. Un gesto che “non aiuta certo la ricerca di una soluzione per la drammatica crisi del Paese”, ha commentato a Bruxelles il Ministro degli Affari Esteri Enzo Moavero, a margine della riunione del Consiglio Affari Esteri.

“L’apertura al dialogo è una condizione imprescindibile per superare, in modo pacifico e costruttivo, la gravissima crisi politica e istituzionale in Venezuela. A parole, – ha osservato Moavero – tutti lo affermano, ma le azioni devono essere coerenti”. E coerente, ha sottolineato in conclusione il ministro “non è un rifiuto di ingresso nel Paese a membri del Parlamento europeo”.