VENEZIA SOMMERSA | Da 400 a 900 euro al mese per chi costretto fuori casa

Oltre a rimborsi di 5mila (privati) e 20mila euro (imprese). I contributi ai nuclei sono alternativi alla fornitura gratuita di alloggi da parte dell'amministrazione regionale, provinciale o comunale

C’e’ anche un contributo per chi e’ costretto momentaneamente fuori casa a causa dell’acqua alta – da 400 a 900 euro mensili – nell’ordinanza per Venezia della Protezione Civile, che nomina il sindaco Brugnaro commissario delegato agli interventi d’urgenza.

Una misura che si somma a quella che stabilisce primi rimborsi di 5mila euro per i privati, e di 20mila per le aziende, per l’immediato sostegno al tessuto economico e sociale.

Il documento conferma, all’art. 8, anche la sospensione delle rate dei mutui per un anno. Questo avvalendosi delle risorse finanziarie (20 mln) messe a disposizione nella delibera del Cdm che ha decretato lo stato di emergenza.

I contributi ai nuclei familiari che trovano autonomamente una sistemazione abitativa (400 euro per un solo componente, 500 per due, 700 per tre, 800 per quelli con quattro, fino a un massimo di 900 mensili) sono alternativi alla fornitura gratuita di alloggi da parte dell’amministrazione regionale, provinciale o comunale.