Vaccino anti-Covid, l’Argentina punta a rafforzare la cooperazione con Cuba

“Il ministro Sola ha ricevuto l'ambasciatore cubano Prada, per discutere la proposta Argentina che mette in relazione un finanziamento con una maggiore capacità di produzione di vaccini cubani"

Una maggiore collaborazione con Cuba per ciò che riguarda ricerca, sviluppo e produzione dei vaccini che il Paese dei Caraibi sta mettendo a punto. A questo punta l’Argentina, secondo quanto ha fatto sapere il ministero degli Esteri a Buenos Aires.

Il ministro Felipe Sola, perseguendo tale obiettivo, ha incontrato ieri l’ambasciatore cubano Pedro Pablo Prada. In un comunicato si precisa che l’iniziativa riguarda le indicazioni formulate dal presidente Alberto Fernandez in tema di contrasto della pandemia da Covid-19, secondo cui e’ importante che l’Argentina partecipi “della catena di ricerca e produzione di tutti i vaccini in fase di sviluppo”.

Concretamente, ed in attesa che si annuncino i risultati del dialogo fra i due Paesi a livello di presidenti, indica il documento, “il ministro Sola ha ricevuto l’ambasciatore cubano Prada, per discutere la proposta Argentina che mette in relazione un finanziamento con una maggiore capacita’ di produzione di vaccini cubani”.

Durante l’incontro, oltre che dei vaccini (Soberana, Abdala e Mambisa), si e’ anche discusso di un altro prodotto in sviluppo a Cuba e che riguarda “un farmaco per uso nasale che impedisce a un’alta percentuale di virus di entrare nelle mucose” e che “potrebbe essere usato facilmente da quelle persone che sono costrette a circolare” nonostante il Covid19.