UCRAINA | L’Ambasciatore Attilio Malliani: “Devo salvare gli italiani”

“Li chiamo ogni giorno, faccio sentire la mia presenza per un sostegno morale. Li informo sugli sviluppi, mi coordino con l'Unità di crisi della Farnesina”

Attilio Malliani, ambasciatore di Odessa, da 20 anni in Ucraina, responsabile dell’evacuazione degli italiani, un’ottantina in tutto, bloccati nel Sud del Paese, al quotidiano Il Giornale spiega: “Di notte non si dorme più. Prima di terminare il mio incarico devo mandare a casa anche l’ultimo italiano rimasto. È un dovere prioritario”.

“In Ucraina – spiega l’ambasciatore – attualmente sono meno di 400, al Sud ne sono rimasti 80. Sono nuclei familiari con bambini in tenera età, di due o tre anni. Purtroppo molti hanno disatteso l’invito della Farnesina a tornare in Italia in momenti più fattibili. Ora è più complicato”.

“Li chiamo ogni giorno, faccio sentire la mia presenza per un sostegno morale. Li informo sugli sviluppi, mi coordino con l’Unità di crisi della Farnesina. Ho anche inviato ad alcuni medicine per la pressione e il cuore, ma le poste locali ricevono i pacchi che non riescono a consegnare”.