Terremoto L’Aquila, Chiodi a Letta: emergenza, risorse e task force ad hoc

L'AQUILA, ITALY - APRIL 06: A general view of the damaged Cathedral of L'Aquila following an earthquake on April 6, 2009 in L'Aquila, Italy. The 6.3 magnitude earthquake tore through central Italy, devastating historic mountain towns, killing at least 90 people and injuring 1500. (Photo by Franco Origlia/Getty Images)

"Faccio presente al Presidente Letta, che la ricostruzione del nostro capoluogo deve essere una questione nazionale. Cio’ significa che lo Stato deve assicurare le risorse per il futuro della ricostruzione (l’unico stanziamento di fondi fino ad oggi e’ quello che risale al Governo Berlusconi) ma non solo!". Cosi’ il presidente della Regione Abruzzo Gianni Chiodi, su Facebook. "Deve istituire – aggiunge Chiodi – una task force per seguire i processi, organizzarli, monitorarli altrimenti i tempi si dilatano anche con fondi disponibili per la incapacita’ di spenderli. Il ritorno alla ordinarieta’, voluto con forza da alcuni ambienti aquilani, si sta dimostrando, ogni giorno che passa, un fallimento. La situazione e’ ancora di grave emergenza”.

Chiodi sottolinea “anche il fallimento dell’esperimento della ordinarieta’: dal 31 agosto 2012, data di fine della emergenza e del coinvolgimento diretto dello Stato attraverso il Commissario, la situazione si e’ sostanzialmente bloccata".