Stabilità, Meloni (Fdi): governo Renzi dimentica il Sud

"Fino ad oggi e’ un’arma di distrazione di massa, nel senso che di fatti concreti non c’e’ assolutamente nulla". Cosi’ la leader di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni, a Bari a margine del confronto sul Mezzogiorno e sul Master Plan come occasione persa per la Puglia, con il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano. "Le priorita’ – ha detto l’onorevole Meloni – sono tutte riuvolte altrrove. Il governo fino ad ora non ha dimostrato alcuna sensibilita’ nei confronti del Sud e delle sue priorita’. Anzi, ha organizzato una direzione nazionale del Partito Democratico dedicata alle tematiche del Sud, ma – ha continuato – in un anno e mezzo di governo una gran parte delle politiche sono state rivolte contro i territori che invece avevano bisogno di grande specificita’, perche’ vanno contro l’interesse di questi territori scelte come la Buona Scuola, in tema di formazione, scelte come il rapporto con l’Unione Europea che finora – ha ribadito – e’ stato un rapporto assolutamente subalterno da parte dell’Italia, scelte come quelle che vengono fatte sul turismo”.

“Noi – ha spiegato la Meloni – abbiamo come Fratelli d’Italia alcune proposte molto precise per questo territorio che vanno dal credito d’imposta per chi investe, fino a una banca per il mediocredito, fino al tema del sostegno alla specificita’ e all’identita’ di questi territori che sono il nostro petrolio, turismo, beni culturali, formazione di eccellenza".

"Credo che Giorgia Meloni riconosca una situazione che allo stato della Legge di Stabilita’ sembra essere veridica". E’ il commento del presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano alla dichiarazione della leader di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni a proposito dell’immobilismo del governo nei confronti del Sud. "Se dovessero essere approvati gli emendamenti che creano una fiscalita’ di vantaggio per il Mezzogiorno – ha detto Emiliano durante il confronto – la situazione cambierebbe. Noi – ha continuato – stiamo premendo molto sul governo e su Renzi, perche’ comprenda che meccanismi che consentano un minor costo di lavoro e una maggiore agevolazione fiscale per le aziende che investono nel Mezzogiorno, cambia il giudizio sulla Legge di Stabilita’. Quindi – ha concluso – l’onorevole Meloni ci sta dando una mano".