Siria, Papa Francesco: cessi ogni violenza, ora dialogo

Per la Siria l’unica via e’ il "negoziato", il "dialogo", la "fine di ogni violenza" e la "giustizia". Continua il pressing di papa Bergoglio per il Paese mediorientale, che e’ al centro del lavoro diplomatico della Santa Sede, come hanno dimostrato anche i temi affrontati con il presidente russo Vladimir Putin nella udienza di lunedi’ scorso. Oggi infatti il Papa ha rinnovato per la Siria l’"accorato appello ai responsabili perche’ cessi ogni violenza e attraverso il dialogo si trovino soluzioni giuste e durature a un conflitto che ha gia’ causato troppi danni". E l’esortazione "al rispetto delle varie confessioni religiose".

Il Papa, ricevendo il patriarca di Antiochia dei greco- melkiti Gregorios III Laham con il sinodo e i fedeli della comunita’ greco-melkita, ha affermato che il suo "pensiero va subito – ha detto – ai fratelli e alle sorelle della Siria, che patiscono da lungo tempo una grande tribolazione, prego per quanti hanno perso la vita e per i loro cari". "Crediamo fermamente – ha detto il Pontefice dopo aver affermato la ‘vicinanza di tutta la Chiesa’ come ‘conforto’ alla ‘angoscia’ delle vittime – nella forza della preghiera e della riconciliazione, e rinnoviamo il nostro accorato appello ai responsabili perche’ cessi ogni violenza e attraverso il dialogo si trovino soluzioni giuste e durature a un conflitto che ha gia’ causato troppi danni. In particolare, – ha sottolineato – esorto al rispetto vicendevole tra le varie confessioni religiose, per assicurare a tutti un futuro basato sui diritti inalienabili della persona, compresa la liberta’ religiosa. La vostra Chiesa – ha ancora rimarcato papa Bergoglio – da secoli ha saputo convivere pacificamente con altre religioni ed e’ chiamata a svolgere un ruolo di fraternita’ in Medio oriente".

"Ripeto anche a voi: – ha detto il Papa riecheggiando i suoi predecessori, e con le stesse parole che ha usato il 21 novembre rivolgendosi alla assemblea plenaria della Congregazione per le Chiese orientali e ai patriarchi orientali – non ci rassegniamo a pensare il Medio oriente senza i cristiani". Nell’incontro con la comunita’ greco melkita papa Francesco ha anche lanciato un auspicio ecumenico di unita’ tra le chiese cristiane, attraverso un saluto inviato al patriarca di Costantinopoli e primo in onore tra i capi delle chiese ortodosse, Bartolomeo I.