Si chiama Silvia Merli, ha 28 anni ed è l’Ambasciatrice della cultura italiana in Uruguay

Dal 5 luglio è direttrice dell'Istituto italiano di cultura a Montevideo, lavora in un pregevole palazzo datato 1912 e già sede della nunziatura apostolica

Sulle pagine della Tribuna di Treviso approfondimento dedicato alla cultura italiana in Uruguay.

Silvia Merli, 28 enne di Treviso, è risultata la più giovane tra i 44 vincitori del concorso 2019. Considerando gli 85 Istituti italiani di cultura presenti nel mondo, non c’è oggi un direttore che abbia meno anni di lei. Senza contare che, in 70 anni di storia, gli uffici culturali dell’ambasciata italiana in Uruguay hanno visto prima solo due donne alla guida.

Brucia le tappe e vuole lasciare il segno, la nostra connazionale. Dal 5 luglio è direttrice dell’Istituto italiano di cultura a Montevideo, lavora in un pregevole palazzo datato 1912 e già sede della nunziatura apostolica.

“Abbiamo organizzato un concerto omaggio a Raffaella Carrà, pure qui molto amata come in Italia”, racconta, “Lo abbiamo fatto al Teatro Solís proprio ieri per la Notte della Nostalgia, che precede la festa nazionale dell’Indipendenza”. Auguri Silvia e buon lavoro.