Salvini, ‘coalizione di centrodestra ma senza vecchi arnesi del passato’

Matteo Salvini a Radio Padania, parlando del futuro del centrodestra, dice: "Su Berlusconi sospendiamo il giudizio, amministriamo bene in tante realtà locali, un altro conto è un accordo nazionale, dove le idee devono essere chiare, soprattutto sull’Europa".

Secondo Salvini "a livello nazionale bisogna tenere aperte tutte le strade, tenendo presente che pure nelle difficoltà Renzi un 30% ce l’ha e il Movimento 5 Stelle a Roma e Torino il suo 30% l’ha preso". "Il mio obiettivo è di creare una coalizione senza vecchi arnesi del passato, guardando avanti e sperando ci sia voglia da parte degli altri. Se non c’è questa voglia siamo disposti a ragionare in solitudine, ma sapendo che i numeri fanno la differenza".

Parlando di immigrazione: "Accogliere tutti gli immigrati, non solo i profughi. Questa le sentenza del giudice di Milano, Federico Salmeri, che ha concesso il permesso di soggiorno (prima negato dalla Commissione) a un 24enne del Gambia, citando la Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo: ‘Ogni individuo ha il diritto a un tenore di vita sufficiente a garantire la salute e il benessere proprio e della sua famiglia, con riguardo all’alimentazione, al vestiario, all’abitazione, alle cure mediche e ai servizi sociali essenziali’. Quindi, chiunque nel mondo vuole star meglio viene in Italia? E gli italiani che vogliono stare meglio? Tutti a casa del ‘giudice accogliente’? Roba da matti".

Comunali Milano: "La partita che politicamente massacrerebbe Renzi è quella di Milano". E sul quotidiano Libero: ‘Non lo leggo più da quando hanno cacciato Belpietro., ha avuto una conversione filorenziana. Possono scrivere quello che vogliono ma per me conta meno che zero. Lo leggevo e lo apprezzavo e mi dispiace, ma con la morte nel cuore ho smesso di leggerlo”.