Pd, Guerini: vogliamo essere il partito della Nazione

Lorenzo Guerini, vice segretario del Pd, parla con La Stampa e spiega la sua idea di partito: "Sarà un partito che partendo dai nostri riferimenti ideali deve parlare a tutta l’Italia non intestarsi la rappresentanza solo di un pezzo della società", "vogliamo essere un partito della nazione e della vocazione maggioritaria".

Guerini replica poi a chi nel Pd "fa polemiche inutili e pretestuose" e assicura che "non riuscirà a logorare il segretario". Il vice segretario del Pd sottolinea poi che "a fine anno supereremo i 350mila iscritti, ma il vero nodo è la modalità di adesione al Pd di milioni di elettori". Delle difficoltà economiche di molti circoli e dei rapporti con la fondazione ex Ds, Guerini dice: "Se c’è un patrimonio che le fondazioni possono mettere a disposizione per le attività dei circoli è un fatto positivo, non va fatto pesare, altrimenti non si capisce perché certe fondazioni debbano esistere".