Papa Francesco, da martedì secondo ‘G8’ per riforma Curia

E’ una settimana intensissima, tanto sul piano pastorale che di governo della Chiesa, quella che attende papa Francesco a partire da lunedi’: una settimana che, da martedi’ 3 a giovedi’ 5 dicembre, vedra’ in Vaticano anche il secondo "G8" dei cardinali che assistono Bergoglio nel progetto di riforma della Curia romana. La settimana sara’ preceduta domani e domenica da due importanti appuntamenti religiosi che per il Pontefice segnano l’inizio dell’anno liturgico: domani pomeriggio, alle 17.30 nella basilica vaticana, il Papa incontrera’ diecimila studenti degli atenei romani e celebrera’ i primi vespri d’Avvento; domenica pomeriggio sara’ in visita alla parrocchia romana di San Cirillo Alessandrino, a Tor Sapienza, dove incontrera’ i malati e i battezzati di quest’anno, confessera’ alcuni parrocchiani e presiedera’ la messa impartendo la cresima a nove ragazzi.

Nel vivo degli appuntamenti di profilo politico e internazionale il Pontefice entrera’ poi lunedi’ mattina, quando alle 10.30 nella Sala della Biblioteca dell’appartamento pontificio ricevera’ il premier israeliano Benyamin Netanyahu: al centro del colloquio, insieme alle prospettive dei negoziati di pace nella regione e al destino delle comunita’ cristiane mediorientali, il prossimo viaggio che Bergoglio fara’ in Terra Santa, che proprio fonti ufficiali israeliane hanno indicato ieri in preparazione per il 25 e il 26 maggio 2014. Da martedi’ a giovedi’ Francesco sara’ quindi impegnato nella seconda riunione di tre giorni, dopo quella dall’1 al 3 ottobre scorsi, del "consiglio di cardinali" da lui costituito per consigliarlo sul governo della Chiesa e la riforma della Curia romana e coordinato dall’honduregno Oscar Rodriguez Maradiaga. Si presume che, almeno ad alcune sessioni, potra’ partecipare anche il segretario di Stato vaticano, mons. Pietro Parolin.

Lo scorso vertice del cosiddetto "G8" si era concluso con l’indicazione che non si stava andando verso un semplice aggiornamento della "Pastor bonus" di Giovanni Paolo II, ma verso la stesura di una nuova costituzione apostolica, "con novita’ assai consistenti" sull’organizzazione della Curia romana. Le direttrici erano quelle di mettere in rilevo la natura di "servizio" della Curia alla Chiesa universale e alle Chiese locali, "piuttosto che di esercizio di un potere centralistico". Un aspetto che, sotto forma di "conversione pastorale", Bergoglio teorizza anche nella sua esortazione "Evangelii gaudium". Nel progetto di riforma, inoltre, ed e’ qui che entra in gioco mons. Parolin, la Segreteria di Stato dovra’ diventare a tutti gli effetti "Segreteria del Papa". Sul tavolo della discussione anche i rapporti fra i capi dicastero e il Papa e il coordinamento fra i vari dicasteri e uffici della Santa Sede, aspetto che potrebbe essere affidato ala nuova figura del "moderator Curiae", di cui si e’ gia’ parlato nella sessione di ottobre.

Per quanto riguarda il riordino degli organismi finanziari, economici e amministrativi della Santa Sede, il "consiglio dei cardinali" e’ in attesa che le Commissioni di indagine istituite dal Papa sullo Ior e sulle strutture finanziarie completino il loro lavoro: e proprio ieri Bergoglio ha nominato il suo segretario personale mons. Alfred Xuereb delegato per le due Commissioni, con l’incarico di vigilare e di informarlo sulle attivita’, in raccordo con la Segreteria di Stato. Una via a se stante ha intanto imboccato la preparazione del prossimo Sinodo sulla famiglia, anch’esso al centro della prima riunione degli otto cardinali. Gia’ si sa che la terza riunione del G8 sara’ in febbraio, si prevede nei giorni 17-18, a ridosso del primo Concistoro di papa Francesco per la creazione di nuovi cardinali, convocato per il 24-25 febbraio e preceduto come d’uso da una riunione generale del Collegio cardinalizio. Intanto, la laboriosa settimana del Pontefice si concludera’ domenica 8 dicembre, festa dell’Immacolata Concezione, quando Bergoglio proseguira’ la tradizione della visita pomeridiana in Piazza di Spagna per l’atto di venerazione alla Statua mariana.