“Non vedo la necessità di abolire la Legge Fornero”: parla Giuliano Cazzola

“Sull’ape social ha ragione Di Maio rispetto a Salvini. Per la prima volta dagli anni 60 faccio fatica a decidere per chi votare. Pensioni d’oro? No agli espropri proletari”

L’economista Giuliano Cazzola sul superamento della riforma Fornero ha detto: “Il M5S parla di superamento della legge Fornero in 5 anni che è una roba che non ha nessun valore tecnico. Il centrodestra invece ha moderato i toni negli ultimi giorni. Dall’incontro di Villa San Martino è uscito un ragionamento diverso da quello che fa Salvini, si è detto di eliminare gli effetti della legge Fornero, non si parla più di abolirla”.

“Io dico a Salvini che gli effetti sono già stati eliminati con 8 sanatorie e con l’ape social. Di Maio – prosegue Cazzola parlando a Radio Cusano Campus – ha ragione a dire che l’ape social migliora la riforma Fornero. Non vedo la necessità di abolire la legge Fornero. Io ho 77 anni, voto dall’inizio degli anni 60, ma per la prima volta faccio fatica a decidere per chi votare. Per bloccare i 5 stelle bisognerebbe votare il centrodestra che è l’unico che può vincere, ma il centrodestra sul piano della demagogia fa concorrenza ai 5 Stelle quindi si rischia di cadere dalla padella alla brace. Voterò per la formazione più europeista”.

Sulle pensioni d’oro. “Un conto è mettere un contributo di solidarietà, un altro conto è ricalcolare pensioni troppo premiate dal calcolo contributivo, un altro conto ancora è tagliare una pensione meritata, in regola con i contributi versati. Questo è un esproprio proletario”.