Molteni (Lega): “Meloni premier? Direi Salvini premier e Ministro dell’Interno”

“Il governo non cancella i decreti sicurezza? Sul tema della sicurezza e dell’immigrazione si perdono voti. Il Governo ha però smesso di applicare i decreti e le ONG sono tornate a fare i taxi del mare”

Nicola Molteni, deputato della Lega ed ex sottosegretario all’Interno nel governo gialloverde, è intervenuto su Radio Cusano Campus. Con Molteni è stato affrontato il tema dei decreti sicurezza, dell’imminente nuova richiesta di autorizzazione a procedere nei confronti di Matteo Salvini sulla vicenda Open Arms e del futuro del centrodestra.

Il governo giallorosso non cancella i decreti sicurezza. “Sul tema della sicurezza e dell’immigrazione si perdono voti. La sinistra ci sta contestando la legge Bossi – Fini sull’immigrazione. È del 2002 e non l’hanno mai cambiata, lo stesso per il reato di immigrazione clandestina. Questa è l’ipocrisia della sinistra. Secondo me quella maggioranza è un po’ che sta in piedi con lo scotch. Alla fine forse li toccheranno e lì si che scatterà una grande battaglia politica. Sono orgoglioso di essere stato 14 mesi al Ministero dell’Interno con Matteo Salvini e di aver fatto quei due decreti che sono una grande manifestazione di civiltà e sicurezza. Non li hanno cancellati, forse non li cancelleranno però non li stano applicando. La norma sul decreto sicurezza 2 dice che il ministro degli interno può per difendere la sicurezza, vietare l’ingresso, i transito o la sosta di navi sul territorio nazionale, l’attuale ministro non sta diffidando le navi, quindi non lo sta applicando. Le ONG sono tornate ad essere i taxi del Mediterraneo, entrando in Italia come nulla fosse. Quindi, oltre ad essere ipocriti sono anche incoerenti. Anche con noi sbarcavano qui le ONG? Non tutte. Il decreto sicurezza ha funzionato. Grazie a questo decreto ci sono 4 barche delle ONG che sono sotto sequestro e che dovrebbero essere sequestrare dallo Stato. Poi, prendiamo ad esempio l’Aquarius che sbarcò in Spagna”

Sequestro di Persona: “Nel caso Gregoretti, se Salvini attende 5 giorni per far sbarcare la gente Gregoretti in attesa che l’Europa li distribuisca scatta il sequestro di persona. Se lo fa la Lamorgese prima delle elezioni in Umbria allora non succede nulla.

Open Arms, il 27 febbraio voto per richiesta di autorizzazione a procedere contro Matteo Salvini. C’è la mail di Conte che spinse Salvini a far sbarcare i bambini. “Me la ricordo bene quella vicenda. Con Salvini eravamo il 15 agosto a Castel Volturno per il Comitato Nazionale Ordine Pubblico E Sicurezza. Quella mail lì, nella quale Conte chiede a Salvini di far sbarcare i minori stranieri che poi sono sbarcati, certifica che il Presidente del Consiglio, dopo che c’era già stata la rottura col Governo, per motivi di natura politica chiede di farli sbarcare. Sulla Gregoretti invece c’era stata assoluta collegialità. Ricordo che i decreti sicurezza li han votati tutti. Abbiamo decine di mail, prodotte agli atti per la vicenda Gregoretti, che riguardano il premier Conte e vanno a supporto del fatto che la gestione dei flussi migratori era assolutamente collegiale.

Futuro centrodestra, Meloni premier e Salvini all’Interno? “Direi Salvini premier e Ministro dell’Interno. Fratelli d’Italia avrà un ruolo importante, soprattutto la Meloni. Salvini ha fatto benissimo il Ministro dell’Interno. La Lega è il primo partito della coalizione ed esprimerà il premier. La Meloni avrà certamente qualcosa di importante”.