Mille persone per Salvini a Firenze, “non c’è più spazio”

Guardando alle elezioni comunali a Firenze nel 2019 “non mi pongo limiti, bisogna scegliere candidato e squadra giusta”

La manovra? “E’ persino migliorata, dopo le polemiche nei giorni scorsi. Abbiamo inserito alcuni miglioramenti”. Lo dichiara il vicepremier Matteo Salvini a Lady Radio, emittente fiorentina. “I soldi per la riforma della legge Fornero e il reddito di cittadinanza erano anche troppi, meglio essere prudenti”, sottolinea il ministro dell’Interno, che poi ribadisce: “Sono salvi quota 100 e reddito di cittadinanza, era il nostro impegno per cominciare a passare dalle parole ai fatti. Quota 100 è una possibilità di liberarsi dall’inizio del 2019 dalla gabbia della Fornero”.

A proposito del decreto sicurezza, “tanti sindaci ne sono entusiasti e lo stanno già usando”. “Anche a Firenze arriveranno a inizio 2019 i 250 agenti delle forze dell’ordine in più. Sono al Viminale da sei mesi. Nella manovra è inserito un piano straordinario di assunzioni di agenti delle forze dell’ordine e vigili del fuoco, 8 mila. In molte realtà sono già arrivati, altri lo faranno tra gennaio e febbraio”.

Guardando alle elezioni comunali a Firenze nel 2019 “non mi pongo limiti, bisogna scegliere candidato e squadra giusta. Nel passato ho come l’impressione che il centrodestra non ci abbia creduto fino in fondo. Ma le altre vittorie ottenute in Toscana, come a Pisa e a Siena, ci dicono che è possibile vincere”. “Firenze – prosegue il leader della Lega – è una delle città più belle del mondo, ma mi sembra che ci sia un’amministrazione un po’ stanca”.

Il Matteo padano sarà nel capoluogo toscano domani, giovedì 20 dicembre, alle ore 18.30 per partecipare al comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica in prefettura. Poco dopo, alle ore 20, sarà alla cena degli auguri di Natale promossa dalla Lega Toscana.

Considerando il numero di adesioni alla cena (un migliaio), che si terrà in un hotel sui lungarni, Salvini ha aggiunto: “Rispetto al passato c’è tanta più gente che si sta facendo avanti. Arrivati a mille persone abbiamo dovuto chiudere le prenotazioni perché non c’era più spazio”.