METEO | Altra ondata di caldo africano, tra venerdì e sabato temperature roventi

Tra venerdì e sabato arriverà un caldo pazzesco. A partire da domenica e dalle regioni settentrionali, poi, il caldo inizierà ad attenuarsi

Meteo, caldo africano
Meteo, caldo africano

In Italia si schiatta dal caldo. La brutta notizia di queste ore? Secondo gli esperti del meteo, nei prossimi giorni andrà ancora peggio. L’anticiclone africano è tornato a consolidarsi sul Mediterraneo e sull’Italia, andando a coinvolgere anche Francia centro-meridionale, Svizzera, Austria e Germania meridionale. Il nostro Paese torna quindi a vivere l’ennesima ondata di calore dell’estate, che dai settori occidentali si estenderà gradualmente a tutte le regioni.

Tra venerdì e sabato arriverà un caldo pazzesco. A partire da domenica e dalle regioni settentrionali, poi, il caldo inizierà ad attenuarsi.

Per buona parte della settimana, in concomitanza con il dominio dell’alta pressione africana, le precipitazioni saranno limitate a isolati episodi di instabilità pomeridiana sui rilievi.

Le previsioni per giovedì 4 agosto indicano tempo in gran parte soleggiato e clima molto caldo in tutto il Paese. Caldo in intensificazione, specialmente al Centro-Nord: temperature massime diffusamente oltre i 32-33 gradi, fino a punte di 37-38 gradi soprattutto nelle zone di pianura lontane dalle coste.

Le previsioni per venerdì 5 agosto indicano tempo prevalentemente soleggiato con qualche annuvolamento già dal mattino sulle Alpi dove nel pomeriggio si formeranno numerosi rovesci o temporali. Nel corso della giornata tendenza a un aumento della nuvolosità anche nelle aree interne del Centro-Sud con possibile sviluppo di isolati e brevi rovesci o temporali sulle zone montuose appenniniche dal basso Lazio alla Calabria e sui rilievi della Sicilia; qualche annuvolamento in sconfinamento lungo il tirreno. Temperature stazionarie o in leggero ulteriore aumento; massime generalmente comprese fra 32 e 37 gradi, ma con punte di 38-39 gradi in pianura padana e nelle zone interne e tirreniche del Centro.