Le 5 notizie crittografiche della settimana: Bitcoin, PayPal, JPMorgan, NFT, Norvegia

Questa settimana è stato appreso che la famosa banca d'investimento sta cercando di offrire ai suoi clienti l'accesso al mercato delle criptovalute con il suo paniere di esposizione di criptovaluta J.P. Morgan...

La banca JPMorgan Chase vuole offrire ai suoi clienti l’accesso alle criptovalute

Questa settimana è stato appreso che la famosa banca d’investimento sta cercando di offrire ai suoi clienti l’accesso al mercato delle criptovalute con il suo paniere di esposizione di criptovaluta J.P. Morgan. In concreto, non si tratta di un’esposizione diretta, ma piuttosto indiretta alle criptovalute poiché parliamo di un “paniere di società che operano nel campo delle criptovalute” come PayPal Holdings, MicroStrategy o Square.

Le imprese hanno quindi un legame con le criptovalute sia si tratta di mining, trading o produzione di prodotti crittografici. Il prezzo delle note (note) che JPMorgan offrirà non sarà inferiore a $ 900 per unità e la loro scadenza sarà maggio 2022.

PayPal acquisisce Curv, custode di criptovalute

PayPal, che già offre ai suoi clienti statunitensi l’acquisto, la vendita e la custodia di criptovalute, continua le sue iniziative di criptovaluta acquistando questa settimana la società israeliana Curv, specializzata nella custodia delle risorse digitali. Come riportato la scorsa settimana, il sito di notizie israeliano Calcalist ha riferito per la prima volta che Curv era in trattative con un offerente non divulgato quando l’accordo poteva valere $ 200-300 milioni. Questa azienda ha sviluppato una tecnologia unica per proteggere i fondi che elimina la necessità di chiavi private. Il direttore generale del dipartimento di crittografia di PayPal ha affermato che Curv fa parte dello sforzo aziendale di investire in tecnologia e talenti, per integrare un sistema finanziario più completo. Un altro passo da questo gigante dei pagamenti verso le criptovalute … in attesa del prossimo.

Un gigante degli investimenti norvegese si lancia in Bitcoin (BTC)

Aker ASA è una società norvegese che combina attività nei settori della pesca, della costruzione navale, dell’ingegneria e degli investimenti. È quindi un peso massimo che ha detto questa settimana di voler investire in Bitcoin (BTC) e nell’ecosistema blockchain. La società manterrebbe tutte le sue attività liquide investibili in Bitcoin.

“Quando si tratta di Bitcoin, saremo hodlers”, ha detto Kjell Inge Røkke, presidente di Aker, nella sua lettera di 23 pagine agli azionisti, aggiungendo che “potrebbe essere irresponsabile non includere una certa esposizione al Bitcoin data l’asimmetria proprietà di resa”. Questo boss norvegese si unisce al clan ultra-pro-Bitcoin, si pensa a Michael Saylor di MicroStrategy, Jack Dorsey il boss di Twitter senza dimenticare il signor Elon Musk.

Se volete avere ulteriori notizie o approfondimenti sugli andamenti del bitcoin e in particolare sui profitti, vi consigliamo di visitare il sito https://bitcoin-profit.org/it/

L’NFT si vende per $ 69 milioni

Non passa giorno senza notizie sugli NFT che fanno notizia sui siti di notizie crittografiche. In queste settimane si è infatti assistito ad una vera e propria esplosione di NFT, questi token non fungibili che vengono utilizzati in particolare per essere raccolti grazie alla loro unicità. L’NFT più costoso del mondo, un’opera d’arte dell’artista Beeple, è stato appena venduto per l’incredibile cifra di 60,25 milioni da Christie’s.

Recentemente, una società blockchain ha acquisito un’opera dell’artista Bansky, poi l’ha bruciata per trasformarla in NFT. Il campione del Super Bowl Rob Gronkowski ha annunciato il lancio della sua collezione NFT per commemorare le sue quattro vittorie al Super Bowl. Il 5 marzo la rock band Kings of Leon ha pubblicato il primo album NFT della storia e infine ricordiamo che il primo tweet di Jack Dorsey pubblicato il 21 marzo 2006 è attualmente all’asta come NFT con un’offerta che raggiunge i 2, $ 5 milioni. Sembra dappertutto febbre da ICO.

I nuovi bitcoiners hanno più fretta di quelli vecchi

Concludiamo con un sondaggio riguardante i Bitcoin firmato dalla ditta Cardify. Tra i fatti più interessanti emersi da questo sondaggio c’è che i nuovi arrivati ​​nell’universo Bitcoin, i neo-bitcoiners, stanno assumendo una visione a breve termine quando si tratta del loro BTC. Il 41,9% degli investitori inesperti intende mantenere le proprie criptovalute per meno di 12 mesi, mentre i “vecchi” sono solo il 19,9% a prendere questa posizione. In questo sondaggio apprendiamo anche che i depositi in conti crittografici sono in aumento: il volume dei depositi effettuati a gennaio 2021, come si può leggere su https://it.investing.com/, è 23 volte superiore a quello dei depositi effettuati a gennaio 2019. Il deposito medio mensile è aumentato dai 432 dollari di gennaio 2019 a $ 1.212 nel gennaio 2021.