Lavoro, Susanna Camusso sfida Renzi: ‘tutti in piazza!’

Tutti a Roma. Susanna Camusso sfida Matteo Renzi e prepara la piazza. "A nome di tutto il gruppo dirigente – ha scritto il segretario della Cgil in una lettera inviata agli iscritti – rivolgo un cordiale invito a tutti i nostri iscritti perché siano presenti a Roma il 25 ottobre".

Per Camusso, questo "è il momento delle scelte, chiare, dedicate a creare lavoro". Il leader della Cgil ricorda che "sono passati sette anni dall’inizio della crisi e a pagarne il prezzo continuano a essere i lavoratori e le famiglie, i giovani e i pensionati, i precari, gli esodati, i disoccupati di ogni età". In Italia e in Europa "si continua con la politica del rigore che tra tagli lineari, interventi sul mercato del lavoro, blocco dei contratti, non dà lavoro e impoverisce le famiglie, come confermato dalla recessione che permane nel nostro Paese. La conferma di quelle politiche che, purtroppo, caratterizza il governo Renzi, insiste su un’idea di Italia che compete al ribasso, non scommette su innovazione, istruzione, ricerca, non scommette sul lavoro di qualità".

La Cgil rivendica quindi "un futuro che sia migliore, non peggiore del passato". Proprio per questo, è il messaggio della leader della Cgil, "il vostro coraggio è importante. Uniti possiamo aprire una nuova fase e cambiare l’Italia. Facciamo sentire la nostra voce, schierandoci dalla parte del lavoro. Facciamolo insieme".

Il tema della manifestazione sarà "Lavoro, dignità, uguaglianza. Per cambiare l’Italia": in programma due cortei, uno da piazza della Repubblica e l’altro da piazzale dei Partigiani, con concentramento alle 9, partenza alle 9.30 e arrivo in piazza San Giovanni. Qui ci sarà un accompagnamento musicale dei Modena City Ramblers mentre dal palco si alterneranno interventi di delegati, giovani e precari. A chiudere, l’intervento di Susanna Camusso. Il sindacato sottolinea che è "possibile rivolgersi alla sede della Cgil più vicina o alla propria categoria per partecipare con i pullman e i treni messi a disposizione" dal sindacato. Particolare significativo: mentre la Cgil scenderà in piazza, Matteo Renzi sarà impegnato nelle stesse ore a Firenze nella quinta edizione della Leopolda.