Italiani all’estero, Venezuela: Sottosegretario Merlo si attiva per italo-venezuelano in carcere da marzo

Il Sen. Ricardo Merlo, fondatore e presidente del MAIE – Movimento Associativo Italiani all’Estero, ha assicurato il suo interessamento personale alla vicenda, già seguita dall'Ambasciata italiana in Caracas

Tornato a Roma dopo diverse missioni all’estero – Messico, Argentina e Brasile, per citarne alcune – Ricardo Merlo, Sottosegretario agli Esteri, ha ricevuto oggi alla Farnesina il suocero di Juan Planchart, cittadino italo-venezuelano e cugino del presidente dell’Assemblea Nazionale, Juan Guaidò, in carcere in Venezuela dallo scorso mese di marzo.

Merlo, lo ricordiamo, ha sempre rappresentato l’Italia all’interno del Gruppo di contatto internazionale che si occupa di Venezuela.

Il signor Pedro Pompei ha illustrato al Sottosegretario la vicenda di Juan Planchart, esponendo i dubbi della famiglia sulla fondatezza delle accuse e sulla correttezza della procedura giudiziaria, chiedendo l’intervento del governo italiano a protezione dei diritti fondamentali del connazionale all’estero, che non avrebbe accesso regolare ai suoi legali.

Il Sen. Merlo, fondatore e presidente del MAIE – Movimento Associativo Italiani all’Estero, ha assicurato il suo interessamento personale alla vicenda, già seguita dall’Ambasciata italiana in Caracas. Il Sottosegretario informerà immediatamente del caso la signora Michelle Bachelet, Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani, che si reca domani in Venezuela, sollecitando un suo intervento sulle autorità di Caracas.