Italiani all’estero, riunione ACLI Germania su Covid accoglienza e tesseramento

Sulla situazione del Patronato ACLI in Germania è intervenuta poi Maria Galitelli (NRW), che ha illustrato i problemi legati alle modalità di accoglienza dei connazionali

“La riunione del Consiglio delle ACLI Germania dello scorso 26 marzo si è svolta in forma di videoconferenza a causa dell’imperante e perniciosa pandemia”. Così si legge in una nota.

Nel corso della Conferenza sono intervenuti, tra gli altri: il Presidente delle ACLI Germania Duilio Zanibellato (B-W), il Presidente delle ACLI del Baden-Württemberg, nonché Segretario per l’Organizzazione e le Risorse delle ACLI Germania, Giuseppe Tabbì, che, oltre a organizzare il convegno, lo ha anche moderato. Aprendo la conferenza, dopo aver salutato i Consiglieri collegati via zoom, il Presidente Zanibellato, al primo punto, ha riferito degli esiti delle varie sessioni del Congresso Nazionale ACLI, a cui ha recentemente partecipato, e in occasione del quale è stata eletta la Presidenza delle ACLI nazionali. E ha continuato con la presentazione del nuovo Presidente Emiliano Mafredonia, dei suoi Vicepresidenti e degli altri Consiglieri.

Sulla situazione del Patronato ACLI in Germania è intervenuta poi Maria Galitelli (NRW), che ha illustrato i problemi legati alle modalità di accoglienza dei connazionali. Anche la relazione del Vicepresidente delle ACLI Germania, Giuseppe Sortino (NRW), che ha ripreso in parte lo stesso tema, è stata interessante – si legge in una nota – . Sortino, ha ribadito nuovamente il tema delle difficoltà insite nelle comunicazioni a distanza, dovute anche al fatto che certi Enti ospitanti, al momento attuale, non sono più disposti a concedere i locali per l’accoglienza, a causa dei pericoli dovuti a eventuali assembramenti.

Interessanti anche diverse notizie da parte di Norbert Kreuzkamp, che ha illustrato diversi eventi ai quali ha preso parte e interventi da lui effettuati in seno alla Selbsthilfewerk delle ACLI. Per ciò che riguarda il tesseramento 2021 ha preso la parola Giuseppe Tabbì, che oltre a comunicare i cambiamenti che avranno luogo a Stoccarda in seguito al suo pensionamento, ha chiesto a presenti se avessero già ricevuto i tesserini per la stampa delle tessere per il 2021″.