Italiani all’estero, l’11 marzo il CGIE a L’Italia con Voi su Rai Italia

Il Comitato di presidenza del CGIE si è detto “preoccupato della decisione di ridurre del 40 per cento il numero dei seggi" che saranno allestiti nei Paesi dell'Unione europea

Il Comitato di Presidenza del Consiglio generale degli italiani all’estero, riunito alla Farnesina dal 4 al 6 marzo, ha incontrato il direttore di Rai Italia Marco Giudici, che ha assicurato tutto l’impegno necessario per la promozione delle rappresentanze delle comunità italiane all’estero: Comites, Cgie e Associazioni.

Rai Italia produce quotidianamente un’ora e mezza di trasmissione “Italia con Voi”. L’utenza potenziale è di oltre 20 milioni di famiglie.

Il Comitato di Presidenza ha registrato un intervento all’interno della trasmissione “Italia con Voi”, ideata e prodotta da Rai Italia per gli italiani nel mondo. La puntata andrà in onda l’11 marzo alle ore 17.00 Sidney, New York e Toronto, ore 19.00 San Paolo e Buenos Aires, ore 14.00 a Pechino e Perth. In Europa si potrà vedere in internet su Rai Play.

Rai Italia in futuro inserirà una rubrica settimanale coinvolgendo Comites e Cgie, nella quale saranno trasmessi anche documenti autoprodotti.

Tra i temi affrontati dal Cdp c’è stato anche il Seminario dei giovani italiani nel mondo, che si terrà a Palermo dal 16 al 19 aprile. A buon punto l’organizzazione – assicura il Comitato – grazie al lavoro della VII Commissione del Cgie e al coinvolgimento e al sostegno di 51 Comites su 105, dieci Regioni italiane, il Comune di Palermo e la Regione Sicilia.

Il Cdp si è detto “preoccupato della decisione di ridurre del 40 per cento il numero dei seggi” che saranno allestiti nei Paesi dell’Unione europea per le elezioni del Parlamento europeo del 26 maggio. “L’impegno dell’Amministrazione di allestire nei 27 Paesi dell’area UE un seggio ogni 5 mila elettori ed elettrici potrebbe rivelarsi inadeguato e non realizzato in tutte le Circoscrizioni consolari”. Ecco, quindi, l’invito del Cgie ai Comites di “sollecitare i Consoli e le Ambasciate ad attivare gli strumenti necessari per l’allestimento di seggi di prossimità e la pubblicizzazione delle elezioni per permettere ai nostri connazionali di recarsi a votare senza particolari disagi”.