Il latte va bene, ma attenzione al menù: parola di nutrizionista

Il latte e’ un alimento sano e completo per la crescita di bambini ed adolescenti, quindi e’ sempre positivo introdurlo all’interno delle mense scolastiche. E’ il parere di Giuseppe Morino, responsabile di Educazione alimentare del Bambino Gesu’, alla proposta del ministro delle politiche agricole Maurizio Martina che annuncia con il progetto ‘Latte nelle scuole’ di voler aumentare il consumo del latte nelle mense scolastiche dal 2016.

Secondo il nutrizionista favorire il consumo di latte ma anche corrette abitudini alimentari tra i piu’ giovani, e’ sempre un bene, "resta pero’ il dubbio su come inserire l’alimento all’interno del menu’ quotidiano" spiega Morino.

"Il latte e’ un’ottima fonte di calcio e va benissimo bevuto al mattino a colazione, ma se preso durante i pasti, essendo una fonte importante di proteine, bisogna rivedere anche il pasto per non rischiare di introdurre poi troppe proteine a scapito di altri alimenti importanti", precisa il medico. E’ quindi fondamentale secondo il parere dell’esperto capire quando bere il latte durante la giornata scolastica del bambino: "escluderei di introdurlo a merenda dove la regina resta la frutta e non va sostituita. L’iniziativa del Ministero e’ lodevole ma per essere valida va accompagnata da un percorso di educazione alimentare, e’ importante coinvolgere la famiglia ed educare al rispetto del ritmo dei pasti. Bisogna poi accompagnare l’iniziativa del ministero con campagne informative che coinvolgano oltre agli studenti anche le famiglie e magari gli insegnati".

Una visone a 360 gradi dunque che non si limiti solo all’introduzione di frutta prima e il latte ora ma anche ad altro: "il terzo step da fare saranno le verdure, poi i legumi ed infine il pesce – conclude il responsabile del centro alimentare del Bambino Gesu’ – bisogna lavorare sopratutto nelle scuole dell’infanzia facendo avvicinare i bambini piu’ piccoli al cibo sano, anche se necessario con la multisensorialità".