Il generale Pappalardo, “a novembre arresteremo tutti i deputati”

“Li andiamo a prendere sotto casa uno per uno. Polizia e carabinieri non possono non arrestarli, altrimenti risponderanno di favoreggiamento”

Il generale Pappalardo, leader di Liberazione Italia, è tornato a parlare della foto che lo ritraeva nel ristorante del Senato: “E’ una vergogna che uno mangia in una mensa aziendale e non ha privacy. Quella del Senato è una mensa aziendale, quando passo mi fermo lì. Si mangia malissimo. Sono andato lì perchè volevo vedere questi cialtroni che dobbiamo arrestare come avrebbero reagito. Erano terrorizzati quando mi hanno visto, hanno iniziato a tremare. Il sette novembre tornerò al senato con dieci pensionati che ospiti miei mangeranno al senato della Repubblica”.

Pappalardo vuole arrestare tutti: “Noi a novembre li arrestiamo tutti. Sono tutti abusivi. Tutti e 945. Arrestiamo per primi quelli che hanno distrutto il Paese. E non siamo golpisti. Li arrestiamo perché c’è una sentenza della corte costituzionale che dice che sono stati eletti con una legge incostituzionale. E questi si sono pappati un miliardo e mezzo di euro. Se li sono messi in tasca tutti quanti, compresi quelli del Movimento Cinque Stelle”.

“Se il popolo italiano partecipa a questa nostra attività – prosegue Pappalardo a Radio Cusano Campus – li acchiappiamo ad uno ad uno quando escono di casa, li portiamo dai carabinieri e gli consegniamo il verbale. Stanno commettendo un reato gravissimo, quello di usurpazione del potere politico. L’arresto in flagranza di reato è obbligatorio. Mando un invito a tutti i commissari e i carabinieri: siete obbligati ad arrestarli. Se non li arrestate, risponderete di favoreggiamento. Voi non capite la gravità del momento. Stiamo lavorando, quando saremo bene addestrati li andremo a prendere”.