GOVERNO | Renzi: “Ripartire in sicurezza”. E a Conte: “Se scegli il populismo, Italia Viva non ci sta” [VIDEO]

“Vogliamo sbloccare i cantieri, non controllare le autocertificazioni. Offriamo serietà. Ma vogliamo serietà. Altrimenti ci sostituiscano: per Italia Viva i principi valgono più delle poltrone”

Matteo Renzi è il leader di Italia Viva

Matteo Renzi, leader di Italia Viva, intervistato dal Corriere della Sera continua a pungolare il governo di cui comunque anche il suo partito fa parte. Quello in Senato, sottolinea Renzi, “era un appello”, non un ultimatum o un penultimatum, come hanno dato a intendere alcuni osservatori.

“Ho chiesto a Conte di decidere – prosegue – . Tocca a lui, non a noi”.

“Durante la fase 1, quella della paura, il premier ha rassicurato gli italiani. Ora siamo fuori dall’emergenza. Le terapie intensive – l’indicatore del rischio collasso ospedaliero – sono a quota 1.500 su diecimila posti disponibili. Dobbiamo allora ripartire perché ogni giorno di ritardo provoca licenziamenti e fallimenti. Ripartire in sicurezza, ma ripartire. E sono terrorizzato che ci sia una decimazione delle donne che lavorano: i figli a casa sono un problema per la società, non solo delle mamme. Qualcuno dovrà pur dirlo”.

“Il mio appello a Conte è semplice: decidi. Se il premier sceglie il populismo, farà a meno di noi. Se sceglie la politica seria, ci saremo. Tocca a lui, non a noi decidere”.

“Vogliamo sbloccare i cantieri, non controllare le autocertificazioni. Offriamo serietà. Ma vogliamo serietà. Altrimenti ci sostituiscano: per Italia Viva i principi valgono più delle poltrone”, aggiunge Renzi, secondo cui il coronavirus potrebbe tornare “probabilmente in autunno. E nel caso dovremo essere più bravi di come siamo stati a febbraio nell’isolare il singolo focolaio. Non tutta l’Italia. Dobbiamo essere pronti. Ma il fatto che esista tale rischio non può farci chiudere in casa impauriti fino al vaccino. Dobbiamo convivere con il virus. E non possiamo farci governare dalla paura”.

La crisi c’è già, ma è economica, non politica. Ci sono due Italie. Chi ha un posto di lavoro sicuro, soffre gli effetti della quarantena, è preoccupato, vive con dolore. Ma va avanti perché alla fine del mese ha uno stipendio garantito. Poi ci sono milioni di italiani, commercianti, piccoli imprenditori, operai, partite iva, professionisti che sono disperati perché sommano ai timori del virus l’angoscia dello stipendio. Iv chiede a Conte di occuparsi di loro, non di noi”, rimarca Renzi, che alle accuse di aver “strumentalizzato” i morti di Bergamo nel suo intervento in Senato replica: “Contro il pregiudizio non c’è difesa. Invito ad ascoltare il discorso: non c’è alcuna strumentalizzazione come mi hanno confermato le email di tanti parenti delle vittime. Ho detto che la gente di Bergamo è gente che lavora sodo, che non molla mai, che merita di essere onorata ripartendo. Tuttavia se qualcuno si è sentito offeso, me ne dolgo. Sandro Pertini dopo il terremoto in Irpinia disse che ‘il miglior modo per onorare i morti è pensare ai vivi’. Non sono Pertini, ma la penso esattamente così. Poi se vogliamo rispettare i trentamila morti facciamo una vera commissione di inchiesta e capiamo chi ha sbagliato. Nel frattempo lavoriamo alla ripartenza, insieme”.