Governo, Casini: chi lavora per farlo cadere compromette stabilità del Paese

(06112011FR1)- ROMA 06-11-2011 MANIFESTAZIONE UDC -CON IL TERZO POLO PER RIFARE L'ITALIA- NELLA FOTO: PIER FERDINANDO CASINI. FOTO: FRANCESCA RIZZO/ {TM News - Infophoto} Citazione obbligatoria {TM News - Infophoto}

Pier Ferdinando Casini, presidente dell’Udc e della Commissione esteri del Senato, in una intervista al Mattino spiega: chi lavora per far cadere il governo rischia di compromettere la stabilità del Paese. "Bisogna essere seri: il governo si è formato sull’onda di una emergenza e lo stesso Berlusconi ha assicurato più di una volta che le sue vicende giudiziarie dovevano essere separate da quelle dell’esecutivo. Se queste condizioni oggi sono cambiate, bisogna mettere le carte in tavola senza produrre fibrillazioni quotidiane che sono un colpo letale per la credibilità del Paese".  

"Berlusconi – aggiunge – dica che vuole andare al voto anticipato e si prenda atto di questo cambiamento di rotta. Dopo di che, però, io credo che il governo abbia comunque una maggioranza, a prescindere cioè dalle scelte del Cavaliere. E’ la maggioranza di chi crede al valore della stabilità ed è consapevole che bisogna assolutamente difenderla per non vanificare tutti i sacrifici che abbiamo fatto finora".