Fassina (Si): “La mafia non esiste solo a Ostia, ma in tutto il litorale”

“E’ colpa anche della sinistra. Alleanza col M5S? Noi disponibili, spero anche loro. Se si chiudessero nell'autosufficienza, farebbero il gioco della conservazione"

Stefano Fassina, Consigliere comunale di Sinistra per Roma, parlando della situazione a Ostia ha detto: “Purtroppo non è un problema specifico di Ostia, ma di tutto il litorale laziale. Qualche anno fa il comune di Nettuno è stato sciolto per infiltrazioni mafiose. Sbaglieremmo ad affrontarlo come un problema specifico di Ostia”.

“Serve l’intervento istituzionale a tutti i livelli, dal ministero dell’interno in giù. Dopodichè, è evidente che ci sia stata una responsabilità politica ad Ostia di chi ha amministrato il Comune e il X Municipio negli ultimi anni. Attraverso queste nuove elezioni bisognerà attuare tutti gli elementi di discontinuità possibili. La colpa è anche della sinistra che ha abbandonato le periferie e si è rivolta ai ceti più abbienti. La mafia a Ostia esiste, è evidente, va combattuta attraverso una presenza sul territorio, in particolare dove c’è maggiore sofferenza economica e sociale”.

Al ballottaggio Fassina voterà M5S, possibile alleanza anche in Parlamento? “Per noi la discriminante è il programma – ha spiegato Fassina -. Nel momento in cui emergono concordanze col M5S le cogliamo e le portiamo avanti. Siamo molto aperti a valutare rapporti politici in base al programma. Spero che la stessa disponibilità vi sia anche da parte del M5S. Se si chiudessero nell’autosufficienza, farebbero il gioco della conservazione e non della discontinuità”.