EURO2020 | Italia-Belgio, maxischermo nel cortile dell’Istituto italiano di cultura

A Bruxelles l'ambasciatore d'Italia in Belgio Francesco Genuardi ha organizzato quello che lui stesso ha definito "un piccolo stadio istituzionale e non solo" per seguire, nel rispetto delle regole anti-Covid, la partita

Tutto pronto in Belgio per seguire domani sera il derby dell’anno tra Les Diables Rouges e gli Azzurri. Le bandiere tricolori, scrive La Nuova Sardegna, sono esposte un po’ ovunque – specie a Bruxelles, Liegi e Charleroi – alle finestre delle case e davanti a bar e ristoranti dove si potrà vedere la partita, in qualche caso accanto a quelle del Belgio. Ad evidenziare che in questo Paese, ormai impazzito per i successi delle due formazioni, le due comunità convivono insieme in tanti casi all’interno dello stesso nucleo famigliare, ma senza che nessuno rinunci a tifare per la sua squadra del cuore.

Insomma, un Paese diviso dalla passione ma ormai integrato e lontanissimo dai tempi delle miniere.

A Bruxelles l’ambasciatore d’Italia in Belgio Francesco Genuardi ha organizzato quello che lui stesso ha definito “un piccolo stadio istituzionale e non solo” per seguire, nel rispetto delle regole anti-Covid, la partita su un maxischermo piazzato nel cortile dell’Istituto italiano di cultura. Con lui ci saranno anche gli altri due ambasciatori italiani presenti a Bruxelles: Pietro Benassi, il Rappresentante permanente presso l’Ue, e Francesco Talò, che rappresenta l’Italia alla Nato.