Ebola, in Italia falsi allarmi

Tutto e’ cominciato, probabilmente, con un bambino di due anni che si e’ infettato ed e’ morto il 6 dicembre a Guèckèdou, in Guinea, e non si sa quando finira’. L’epidemia di Ebola, che non accenna a placarsi in Africa, per il momento non e’ uscita dal continente, ma lo stato di allerta in tutto il mondo resta massimo, testimoniato da una serie di falsi allarmi che hanno toccato anche l’Italia. Per arginare la piu’ grande epidemia del virus da quando e’ stato isolato potrebbero arrivare anche armi ‘non convenzionali’, farmaci e vaccini non testati, soprattutto se il comitato apposito dell’Oms che si riunisce domani dara’ il proprio via libera.

A ricostruire i primi momenti dell’epidemia, di cui il mondo si e’ accorto diversi mesi piu’ tardi, e’ un gruppo di ricercatori internazionali coordinato da Stephan Gunther del Bernhard Nocht Institute for Tropical Medicine. ”Dopo una settimana e’ morta la madre del bimbo, quindi la sorella di tre anni e in seguito la nonna. Tutti avevano febbre, vomito e diarrea. Due persone presenti al funerale della nonna hanno poi portato il virus nel proprio villaggio – scrive il New York Times -, un infermiere a sua volta lo ha portato in un altro, dove e’ morto, cosi’ come il suo dottore. A loro volta questi casi ne hanno generati altri in altri villaggi.

Nel momento in cui l’epidemia e’ stata riconosciuta, a marzo, dozzine di persone erano morte in otto comunita’ in Guinea, e casi sospetti stavano gia’ emergendo in Liberia e Sierra Leone”. Sull’epidemia oggi si e’ pronunciato anche Papa Francesco, che ha invitato a ”pregare per le vittime del virus e per chi sta lottando per fermarlo”. Oltre ai tre paesi colpiti quasi da subito il virus e’ sbarcato anche in Nigeria, ma per il momento non si segnalano casi al di fuori di questi quattro paesi.

Falsi allarmi sono stati registrati in Usa, Canada, Hong Kong, Arabia Saudita, puntualmente smentiti dalle analisi di laboratorio. Anche in Italia, conferma il ministero della Salute, la rete di allerta ha rilevato qualche caso sospetto. Uno di questi, a Gallarate, era in realta’ dovuto a malaria, che ha un sintomo, la febbre alta, comune anche a Ebola, che si manifesta anche con vomito e diarrea prima di dare le tipiche emorragie. Diverso il caso dei presunti immigrati malati a Lampedusa, citato anche dal ministro Lorenzin durante l’ultimo question time alla Camera. L’autore della bufala, gia’ individuato dalla Polizia Postale, si vedra’ recapitare una richiesta di risarcimento di dieci milioni di euro per i danni provocati al turismo.

Da lunedì gli occhi del mondo, soprattutto di quello africano, saranno pero’ puntati di nuovo su Ginevra, dove ci sara’ la riunione del comitato di esperti dell’Oms che deve decidere se e come accelerare l’uso dei farmaci e dei vaccini ancora sperimentali. Fino a questo momento l’unico usato su pazienti e’ il siero ZMapp, che sembra aver portato verso la guarigione i due missionari statunitensi in cura ad Atlanta e che verra’ dato anche al paziente spagnolo rimpatriato pochi giorni fa. Per una eventuale produzione su larga scala sono gia’ pronti i tre centri AMD (Advanced Developmente and Manifacturing) istituiti dagli Usa per i casi di pandemie ed emergenze sanitarie. ”Noi siamo pronti – ha spiegato Brett Giroir, uno dei dirigenti dei centri – il governo puo’ chiamarci in qualsiasi momento".