Ebola, da Germania appello a lasciare i Paesi colpiti

Nonostante le rassicurazioni dell’Oms, che invita addirittura a non interrompere i voli per i paesi colpiti, l’epidemia di Ebola fa paura anche all’occidente, come testimonia il comportamento della Germania che ha invitato tutti i cittadini tedeschi a lasciare i Paesi colpiti. Il virus intanto non accenna a mollare la presa in Guinea, Serra Leone, Liberia e Nigeria, dove il conto dei morti si allunga in attesa dei trattamenti sperimentali ‘autorizzati’ dall’agenzia Onu, tra cui un vaccino sviluppato in Canada di cui saranno messe a disposizione mille dosi. La richiesta di Berlino, ha spiegato un portavoce del ministero degli Esteri, non vale pero’ per il personale medico. Rimarranno aperte anche le rappresentanze diplomatiche della Germania nei quattro paesi colpiti, ma ”la misura precauzionale e’ stata presa a causa dell’emergenza sanitaria che continua a mietere vittime in Africa occidentale”.

In realta’ la Germania e tutti gli altri paesi che non confinano con quelli colpiti sono, ha precisato l’Oms, nella fascia minore rischio di trasmissione, mentre quelli considerati ad alto rischio condividono almeno un confine con i quattro dove l’epidemia e’ attiva. L’agenzia ha registrato tra il 10 e l’11 agosto 128 nuovi casi e 56 morti, con il computo totale arrivato a 1.975 casi e 1.069 morti.

”Le operazioni di sorveglianza in Guinea, Nigeria e Sierra Leone hanno permesso di identificare e seguire tra il 94% e il 98% dei contatti avuti dai nuovi casi – spiega il comunicato dell’Oms – mentre in Liberia si stanno facendo sforzi per rafforzare queste pratiche, anche se nell’area servono aiuti ulteriori. L’esercito liberiano ha recentemente messo in quarantena una terza provincia del paese come parte dello sforzo per fermare la trasmissione”.

Le speranze dei paesi africani sono riposte nei trattamenti sperimentali, il cui uso e’ stato dichiarato ‘etico’ dal comitato di esperti riunito ieri dall’agenzia, che pero’ sono disponibili in quantita’ limitata. Il primo paese a farsi avanti, dopo che l’azienda produttrice del siero ‘miracoloso’ ZMapp ha dichiarato di aver esaurito le scorte, e’ stato il Canada, che ha messo a disposizione 800-1.000 dosi di un vaccino che ha dato buoni risultati sugli animali e che saranno usate probabilmente per gli operatori sanitari. ”Vediamo il vaccino come una risorsa globale – spiega Greg Taylor, direttore dell’agenzia canadese per la salute – qualcosa che dobbiamo mettere sul tavolo per trovare il modo migliore per renderlo utile, e stiamo cercando il modo di farlo il piu’ velocemente possibile”.