E Renzi compra i libri di Rodotà e Tremonti

Matteo Renzi compra il libro di Stefano Rodota’. Dal giro pomeridiano alla libreria Feltrinelli, il presidente del consiglio esce con due buste piene di volumi. Tra questi, a sorpresa, il libro del costituzionalista assurto a simbolo dell’opposizione alle riforme targate Renzi.

A dire il vero del saggista Rodota’ il presidente del consiglio ha comperato un saggio dedicato ai diritti nell’era digitale e non uno studio dedicato alla Costituzione. Si tratta del volume "Il mondo nella rete. Quali i diritti, quali i vincoli", edito da Laterza, dedicato da Rodota’ al tema della cittadinanza digitale.

Ma nella libreria di Renzi, come si apprende dalla foto postata su twitter dal suo portavoce (che pubblichiamo in questo articolo), trova spazio anche un altro critico del governo. Si tratta di Marco Revelli, storico e politologo autore di "Post-sinistra. Cosa resta della sinistra in un mondo globalizzato". Revelli e’ un sostenitore della lista Tsipras, di cui ha aperto la campagna elettorale ad Atene.

Non poteva mancare sul comodino di palazzo Chigi un critico del renzismo da destra. Anche il recente saggio di Giulio Tremonti, "Bugie e verita’. La ragione dei popoli", allietera’ le serate romane del premier.