CORONAVIRUS | Renzi a Conte: “Se scegli il populismo noi non ci stiamo”. Governo in bilico? [VIDEO]

Ignazio La Russa interviene dopo il leader di Italia Viva: “Caro Presidente, Renzi le ha detto chiaro: come io ti ho creato, io ti distruggo”

Matteo Renzi, leader di Italia Viva, intervenendo al Senato dopo l’informativa del premier, Giuseppe Conte, rivolgendosi proprio al presidente del Consiglio, ha detto: “Si puo’ stare a inseguire le dirette Facebook oppure si puo’ cercare di fare le statistiche per cui crescono i disoccupati, vorrei desse un dato in piu’ ai dati Istat che ai sondaggi, che avesse il coraggio di dire che di fronte all’emergenza occupazionale e alla carneficina che si prospetta occorre uno sforzo di tutti. Se lei ci vorra’ al suo fianco noi ci saremo a condizione di fare le cose che servono agli italiani, se dobbiamo essere su un crinale populista che dice alla gente cio’ che piace sentire, noi non saremo al suo fianco. Se scegliera’ la strada del populismo non avra’ al suo fianco Italia Viva, se scegliera’ la strada della politica l’aspetteremo lì”.

“In quest’aula, lo rivendico, abbiamo fatto nascere un nuovo governo. Non abbiamo negato pieni poteri a Salvini per darli a un altro”, ha aggiunto Renzi. E ancora: “Il nostro Paese ha avuto momenti in cui la politica ha abdicato rispetto alle sue responsabilita’, nel 92-93 ha abdicato alla magistratura, nel primo decennio del 2000 quando ha abdicato ai tecnici, ora non possiamo abdicare ai virologi, non possiamo chiedere loro come combattere la disoccupazione, tocca alla politica”.

“C’e’ una nuova divisione piu’ profonda, tra garantiti e non garantiti. La richiamiamo ad avere uno sguardo piu’ ampio sul futuro economico. Voteremo il decreto sulla liquidita’ predisposto da Gualtieri, ma il mondo va avanti e di fronte a questo ora e’ il momento di agire: prevenire, non rincorrere”.

Italia viva non chiede di “riaprire tutto”, chiede di avviare una “riapertura in sicurezza”, seguendo quello che fanno paesi come Germania e Francia.

“Nessuno le ha chiesto di riaprire tutto, chi lo dicesse andrebbe ricoverato lui per primo. Noi abbiamo detto una cosa ben diversa. Perché lockdown italiano è ben diverso da quello francese e tedesco? Perché non ci facciamo carico di una riapertura in sicurezza, che è ben diverso da una sottovalutazione del virus”.

Fuoco amico, dunque, da parte di Renzi. Tanto che serve su un piatto d’argento la battuta a Ignazio La Russa (FdI), che intervenuto a Palazzo Madama ha sottolineato. “Caro Presidente, dopo l’intervento di Renzi le comunico che non ha piu’ una maggioranza. Il leader di Italia Viva le ha detto, come io ti ho creato, io ti distruggo”.