CORONAVIRUS | Alitalia cancella volo Roma-New York, i sindacati: “Grave errore strategico”

“Il personale di volo Alitalia ha sempre continuato e continuerà nei prossimi mesi un servizio pubblico necessario, permettendo tra l'altro il rimpatrio di migliaia di connazionali bloccati all'estero per l'emergenza. La decisione dell’azienda si deve a ragionamenti di carattere economico e di revenue aziendale, che non condividiamo”

Filt Cgil, Uiltrasporti e Ugl Trasporto Aereo, commentando la scelta della compagnia aerea, in una nota dichiarano: “La decisione di Alitalia di sospendere i voli per New York costituisce un grave errore strategico”. E spiegano: “Con grande sconcerto abbiamo letto su vari organi di stampa la falsa informazione che questo sarebbe accaduto per la presunta paura degli equipaggi a pernottare nella città”, ma non è affatto così secondo le sigle sindacali.

“Il personale di volo Alitalia – si legge ancora in una nota -, nonostante operi in un ambiente ritenuto ad alto rischio di contagio da Covid 19, ha sempre continuato e continuerà nei prossimi mesi un servizio pubblico necessario, permettendo tra l’altro il rimpatrio di migliaia di connazionali bloccati all’estero per l’emergenza, dando loro l’opportunità di poter rientrare nelle loro case e riabbracciare le proprie famiglie”.

“Se l’azienda ha deciso di sospendere alcune tratte come il volo Roma New York – concludono Filt Cgil, Uiltrasporti e Ugl Trasporto Aereo – è dovuto semplicemente a ragionamenti di carattere economico e di revenue aziendale, che noi non condividiamo e che abbiamo già contestato ai vertici aziendali competenti”.

CODACONS DENUNCIA, PREZZI ALLE STELLE PER BIGLIETTI AEREI E TRENI

Intanto il Codacons denuncia che con l’avvio della Fase 2 “si registra una impennata dei prezzi dei biglietti aerei; ripercussioni si registrano anche sul fronte ferroviario”.

Monitorate le tariffe praticate da Alitalia e Trenitalia su alcune tratte. “Chi durante la fase 2 vuole spostarsi per il Paese per raggiungere il proprio domicilio, abitazione o residenza, così come prevede il nuovo decreto, dovrà mettere mani al portafogli e subire un vero e proprio salasso” indica l’associazione che ha rilevato come i posti ancora disponibili su treni e aerei siano “ancora pochi, e per quelli acquistabili i prezzi sono in alcuni casi astronomici: per volare da Milano a Lamezia Terme il primo volo disponibile è domenica 10 maggio, e un posto a bordo arriva a costare 415 euro. Per il volo Alitalia Roma-Milano del 6 maggio, il costo del biglietto raggiunge invece 375 euro”.