Con la Lega di Salvini cambia l’estrema destra italiana – di Giovanni Imperatore

Dopo il grande corteo leghista di Milano, cambia completamente lo scenario politico della destra in Italia. Scompaiono La Destra di Francesco Storace (rifugiatosi in Forza Italia) e la storica Fiamma Tricolore di Pino Rauti (massacrata da ripetute scissioni), con un travaso di militanza verso due movimenti ora molto vicini alla nuova Lega dei Popoli di Matteo Salvini: Casa Pound di Gianluca Iannone e Progetto Nazionale di Piero Puschiavo.

CP diventa il principale gruppo nazionale per numero di sedi e di militanti, soprattutto giovani. PN raccoglie, invece, la maggioranza dei dirigenti ed amministratori locali, ex notabili missini di AN. Terzo gruppo nazionale, per ora ancora isolato e fuori dai giochi, rimane, seppure in forte crisi politica, economica e di iscritti, Forza Nuova di Roberto Fiore.

Questi sono, ad oggi, i tre principali gruppi politici a carattere nazionale della destra sociale e radicale italiana, che stanno calamitando la quarantina di gruppi minori, soprattutto locali. Tutti sperano, guardano con simpatia ed attenzione alla evoluzione della Lega di Salvini; nessuno, invece, guarda ai "vecchi" Fratelli d’Italia che, con la costruzione di un Fronte Nazionale "verde-nero", rischiano di scomparire definitivamente.