Cicchitto (Ncd), ‘se si vota in primavera il centrodestra perde di brutto’

WCENTER 0WJIAGSEGB - 08061818 FOTO WEBSERVER - imgemblema060809181734 - - S CICCHITTO - Aenzia EMBLEMA

Fabrizio Cicchitto, esponente del Nuovo Centrodestra di Angelino Alfano, commentando il risultato delle elezioni regionali di domenica, su Twitter cinguetta: “Il tentativo di omicidio di Forza Italia nei confronti di Ncd si è tradotto in un suicidio sia in Calabria sia in Emilia”. 

Intervenuto al programma di Rai Radio2 ‘Un Giorno da Pecora’, a chi gli chiede se sarebbe disposto a prendere Raffaele Fitto nell’Ncd, risponde: “Perchè no? Fitto e’ una personalita’ significativa che sta facendo una sua battaglia politica".

Ancora sulle regionali: "Chi ha vinto ieri tra Lega e FI? Ha vinto la Lega per abbandono, FI gli ha dato tutto e ha sottovalutato il leader della Lega Salvini". In che senso FI ha sottovaluto Matteo Salvini? "Lui sta formando una nuova Lega che non ha nulla a che fare con la vecchia lega di Bossi e Maroni, fa un’altra operazione. FI non l’aveva capito, ha portato pure Salvini a Milanello e da Putin, ed ecco come lui li sta ringraziando".

Perche’ voi non volete allearvi con Salvini? "Salvini mi fa schifo sul piano politico, e ho l’impressione che lo schifo sia reciproco. A parte che credo che sia lui a non volersi alleare con noi. Comunque non voglio avere nulla a che fare con lui cosi’ come non voglio avere nulla a che fare con quell’energumeno della Fiom, Landini".

"Il centrodestra? Auguriamoci che si voti nel 2018. Perche’ se si vota in primavera perdiamo di brutto, peggio di ieri". "Il centrosinistra ci ha messo molto per rimettersi in pista, noi dobbiamo seguire un meccanismo simile, ricominciando tutto da capo", ha spiegato l’onorevole a Radio2. Chi comanda in Forza Italia: piu’ Verdini o piu’ la Pacale? "Il 5% Verdini, il 5% la Pascale, il resto e’ parcellizzato…". Berlusconi corre il rischio di restare da solo? “Di voti perduti negli ultimi anni ce ne sono stati molti, quindi qualcosa che non funziona c’e’, sia nella leadership e sia nel partito".