Carta identità elettronica per gli italiani all’estero, Billi (Lega): “Venerdì al via la sperimentazione, decreto fu firmato da Salvini”

Simone Billi, deputato del Carroccio eletto nella ripartizione estera Europa: “Nonostante le difficoltà ed i tanti no ricevuti dalla Lega durante il precedente Governo, questo è uno dei risultati che abbiamo ottenuto a beneficio di tutti gli italiani residenti all’estero”

Domani, venerdì 20 Settembre, si terrà a Vienna la presentazione della nuova carta di identità elettronica per gli italiani residenti all’estero. La sperimentazione partirà da tre Sedi europee, per poi essere allargata, in un prossimo futuro, all’Europa tutta e al mondo intero.

Lo scorso 17 luglio, ricorda l’On. Simone Billi, “l’allora Vice-Premier e Ministro degli Interni Matteo Salvini aveva firmato il Decreto per attivare questa carta”. “Anche grazie alla mia risoluzione approvata il 18 giugno – prosegue il deputato della Lega eletto nella ripartizione estera Europa – si è finalmente sbloccata una situazione ferma da anni”.

“Il Decreto prevede una prima fase di test nei Consolati di Nizza, Vienna e Atene nel mese di settembre in preparazione della fase a regime per l’inizio del 2020. Il principale beneficio sarà che la nuova carta non sarà più rifiutata alle frontiere perchè facilmente falsificabile, come adesso succede spesso con quella cartacea”.

“La nuova carta – sottolinea ancora l’onorevole del Carroccio – permetterà inoltre l’accesso ai servizi digitali della Farnesina e del comune estero di residenza. Nonostante le difficoltà ed i tanti no ricevuti dalla Lega durante il precedente Governo, questo – conclude Billi – è uno dei risultati che abbiamo ottenuto a beneficio di tutti gli italiani residenti all’estero”.