Brexit, Meliti (MAIE): “Bene l’impegno del governo per gli italiani in UK”

“E’ senz’altro motivo di conforto per gli italiani del Regno Unito sapere che l’esecutivo sta valutando l’apertura di un altro punto consolare, oltre al Consolato Generale di Londra”

"Come MAIE UK siamo al lavoro per migliorare la qualità di vita degli italiani residenti nel Regno Unito"

“Ho seguito a distanza, attraverso le dichiarazioni riportate da stampa e agenzie, la prima giornata di lavori del Comitato di presidenza del CGIE, in corso in questi giorni alla Farnesina. Ho molto apprezzato l’intervento del Sottosegretario agli Esteri, Sen. Ricardo Merlo, il quale ha posto l’accento sui temi che più da vicino interessano in questo momento gli italiani nel mondo: tra questi, quello che riguarda la Brexit”. Lo dichiara in una nota Domenico Meliti, coordinatore nazionale del MAIE nel Regno Unito.

“E’ vero ciò che ha spiegato il Sottosegretario Merlo: l’incertezza del governo inglese viene trasmessa a tutti noi che viviamo qui. Ho avuto il piacere di incontrare il Sottosegretario durante la sua recente missione istituzionale a Londra e ho visto con quanta energia, con quanto entusiasmo porta avanti il proprio lavoro. Qui a Londra – prosegue Meliti – il senatore si è potuto rendere conto di persona di quale sia la situazione. E’ senz’altro motivo di conforto per gli italiani del Regno Unito sapere che l’esecutivo sta valutando l’apertura di un altro punto consolare, oltre al Consolato Generale di Londra, per non concentrare tutto il lavoro in UK su una sede soltanto, dopo la chiusura del Consolato di Manchester voluta dal governo Pd”.

“Ci conforta altrettanto sapere, in tempi di Brexit, che è continuo il confronto a livello politico e diplomatico tra Italia e UK, come dimostrano gli incontri al ministero degli Esteri tra il Sottosegretario Merlo e l’Ambasciatrice del Regno Unito in Italia, Jill Morris. Siamo convinti – conclude il coordinatore del MAIE – che dal governo continueranno ad arrivare risposte adeguate per chi chiede maggiori garanzie e sicurezza nelle opportunità di studio e di crescita”.