BREXIT | L’ambasciatore Trombetta in audizione a Montecitorio: riapre il Consolato a Manchester

Il diplomatico: “Verrà riaperto tra circa sei mesi”. L’On. Simone Billi, Lega: “Era stato chiuso nel 2014 dai governi di sinistra”

L'On. Billi (a sinistra nella foto) con l'Ambasciatore Trombetta

“Il Consolato di carriera a Manchester verrà riaperto tra circa 6 mesi”: è quanto dichiara Raffaele Trombetta, Ambasciatore italiano nel Regno Unito, durante un’audizione a Commissioni riunite a Montecitorio.

“Questo consolato venne chiuso nel luglio 2014 dai governi di sinistra” precisa l’on. Simone Billi, deputato della Lega eletto nella ripartizione estera Europa, “come vennero chiuse più di 50 sedi Consolari in tutto il mondo dai governi di sinistra che si sono succeduti dal 2011 al 2017”.

“Invece il Decreto Brexit, approvato nel 2019, quando era al governo la Lega, finanzia l’acquisto o ristrutturazione di immobili e servizi della rete consolare per il 2019 e il 2020 e prevede 50 nuove assunzioni” spiega ancora Billi “venne inoltre approvato un mio Ordine del Giorno al Decreto Brexit, dove chiedevo particolare attenzione al potenziamento dei servizi consolari nel Regno Unito, in particolare a Londra ed Edimburgo, e la riapertura di un ulteriore ufficio consolare a Manchester”.

Mi congratulo con l’Ambasciatore, tutta la Rete Consolare e la Farnesina per il lavoro svolto nel migliorare i servizi consolari, anche grazie al supporto fornito dal nostro Decreto Brexit” conclude il deputato della Lega “continueremo a lavorare e vigilare, perché il lavoro è ancora lungo e la rete consolare necessita di ulteriori potenziamenti nell’interesse della Comunità Italiana all’estero”.