Bondi sputa veleno contro Silvio, il web insorge: ‘traditore, mezzo uomo, dimettiti!’

MARCO MARIANELLA 15/03/2013 PRIMA SEDUTA DEL SENATO DELLA REPUBBLICA DELLA XVII LEGISLATURA PER L'ELEZIONE DEL PRESIDENTE NELLA FOTO: MANUELA REPETTI E SANDRO BONDI SI TENGONO PER MANO TRA I BANCHI DEL SENATO MAR_1875

Sandro Bondi sputa veleno addosso a Silvio Berlusconi in un’intervista rilasciata a Repubblica, proprio il quotidiano più inviso al Cavaliere. Forza Italia insorge e anche il web si schiera contro l’ex coordinatore di Forza Italia. “Traditore”, “pezzo di fango”, “quaquaraqua”: così si sfoga la base azzurra sui social. 

Silverio Patrissi: “Che schifo… Bondi non ha neanche il buon gusto di vergognarsi di essere un profittatore oltre che un traditore… in fondo è un ex comunista!”. Domenico Bonaldi:  “Le dimissioni NO??? Vergogna”.

Bondi dice di non volere più occuparsi di politica, eppure resta incollato alla sua poltrona da senatore, con stipendio annesso. Settimio Bravi: "Come diceva Totò ci sono gli uomini e i quaraquaquà… Bondi sei un quaraquaquà".

Gerardo Fiorillo su Facebook rivolto a Bondi: “Che mezzo uomo che sei, si vede che sei un sporco schifoso lurido sciacallo farabutto traditore losco affarista della politica”. E ancora: “Perché non lasci il seggio di 15 mila euro al mese visto che stai lì grazie a Forza Italia e a Silvio?”.

Gabriella Fugazza: “Hai dedicato poesie, sei stato a casa di Silvio, abbi un po’ di stile, taci!”. Donatella Vignola: “Traditore te e tua moglie!!!! Entrambi lasciate lo stipendio perché vi paghiamo per cambiare partito e non per ideali!!!! A casa!!”. E ancora Enrico Franchi: “Esce senza dignità, da servo bastonato. Vergognati!”.

Insomma, avete capito. Gli internauti sono arrabbiatissimi, Bondi viene visto come un Giuda. E forse è quello che si merita, voi che dite?