Beppe Grillo a L’Unità: ‘se vendete copie ok, altrimenti chiudete bottega’

Beppe Grillo, in una intervista a L’Unità concessa durante il suo incontro ieri a Palazzo Madama con i senatori grillini, afferma: “Tanto la gente non li legge i vostri pezzi, legge solo i titoli che fa un altro, voi siete strumento di questa disinformazione che sta uccidendo il Paese", "qui ci stiamo giocando la democrazia. Siamo a un bivio, la democrazia è in pericolo e voi giornalisti siete corresponsabili, perché invece di raccontare quello che succede davvero correte dietro a un ex comico. La gente non sa niente di come sono queste riforme. Per questo siamo al 49esimo posto per libertà di informazione".

L’incontro con i senatori grillini? "Non sono venuto per dettare la linea ma per dare un po’ di coraggio ai parlamentari che sono depressi, perché non prendete nemmeno in considerazione le loro proposte". E aggiunge, sempre attaccando i giornalisti: "Siete voi che non vi ribellate, non strappate il foglio dove leggere le notizie in tv, scrivete le vostre dieci righe e poi qualcuno fa un titolo falso. Mi piacerebbe che voi foste allineati per scardinare un sistema che è subdolo e fatto di menzogne. Io facevo ridere la gente poi ho smesso, ho deciso di fare informazione così. Tanto fra un po’ perderete tutti il lavoro…".

Ritornando sulle sue polemiche dichiarazioni in merito alla minaccia di chiusura per L’Unità, precisa: "No, non dico che sono contento, ma potrò dire che non voglio pagare con i miei soldi i vostri giornali? Pagare le tasse per un’informazione che danneggia il Paese? Non vi voglio più finanziare. Se vendete copie ci state, altrimenti chiudete bottega".