Antagonisti dei centri sociali? Mandiamoli a lavorare nei campi – di Leonardo Cecca

Ormai nello scalcinato teatro "Italia" sembra che ci sia solo spazio per la deplorevole ricerca delle poltrone in politica, per gli esempi di malamagistratura e per gli spettacoli sempre più numerosi di guerriglia urbana, nella quale si cimentano galantuomini dei centri sociali e antagonisti sempre con il volto coperto e la teppaglia dei tifosi di calcio che tende solo a sfogare il proprio istinto bestiale e che nulla ha in comune con la maggioranza dei veri ed onesti tifosi che va allo stadio per godersi la partita. A questo punto, anche in considerazione che le parole e le misure messe in atto fino ad oggi non hanno sortito alcun effetto tranne quello di far fare da bersaglio alle Forze dell’Ordine, sorge una riflessione che sicuramente farà arricciare il naso ai buonisti ed ai falsi buoni samaritani.

Orbene, ultimamente, a seguito di una ristrutturazione, le Forze Armate hanno liberato molte caserme e magazzini, che spesso sono fuori dai centri abitati, e numerosi depositi munizioni e poligoni siti in aperta campagna e, pertanto, basterebbe che lo stato acquisisca una fascia di terreno intorno a questi immobili per creare dei veri e propri campi di lavoro del tutto funzionali ed autonomi, ove inviare le teppaglie ed i galantuomini di cui sopra e far sbollire la loro frustrazione col lavoro dei campi, naturalmente del tutto manuale, usando solo vanghe, badili, zappe e carriole.

Allo stato ed alla società resterebbe solo l’onere, alquanto modesto, di garantire che i "villeggianti" non abbandonino i lussuosi resort. Con questo semplice e primitivo sistema la società sarà più libera, più pulita e più sicura, è il famoso uovo di Colombo che progressisti e buonisti fanno finta di non capire.

Come già detto la proposta farà arricciare il naso a molti, ma sicuramente saranno solo quelli che per opportunità devono per forza detestarlo, anche se in cuor loro saranno contenti per due motivi:1° perchè anche loro mal digeriscono certi incivili comportamenti; 2° perchè avranno modo di organizzare simposi, sit in e manifestazioni ove, stracciandosi le vesti, dimostreranno la loro "sincera "contrarietà. Vabbè, se togliamo ai salottieri radical chic ed ai sinistri la possibilità di cercare visibilità, dimostrando la loro falsità congenita, siamo proprio al massimo del minimo.