A rischio l’emigrazione italiana nel Regno Unito, ecco perché

L’intenzione del ministro dell’Interno britannico Theresa May di agire affinche’ gli accordi di Schengen sulla libera circolazione dei cittadini comunitari all’interno dell’Ue vengano rivisti in senso piu’ restrittivo preoccupano chi opera oggi a favore delle comunita’ italiane residenti a Londra, ma anche in altre capitali europee: cosi’ in una nota la Fondazione Migrantes. Gli italiani oggi, rende noto Migrantes, sono nel Regno Unito una comunita’ numerosa e ben inserita di circa 238 mila unita’, secondo i dati ufficiali piu’ recenti dell’Anagrafe degli Italiani Residenti all’Estero, in crescita costante negli ultimi anni e la cui presenza e’ documentata all’interno del Rapporto Italiani nel Mondo 2015 di Migrantes, che verra’ presentato a Roma il prossimo 6 ottobre.

Anticipando alcuni dati del Rapporto, i cittadini italiani espatriati nel Regno Unito al 1 gennaio del 2015 sono 13.425, il 3,8% in piu’ rispetto al 2014. Migrantes aveva gia’ messo in evidenza nel 2014 un boom di espatri verso il Paese anglosassone, +71,5% dal 2013 al 2014, riflettendo sulla composizione demografica e sull’inserimento socio-economico dei connazionali che avevano scelto questa meta. Si tratta in prevalenza di giovani, non tutti laureati o dottori di ricerca, pochi con un’ottima conoscenza della lingua inglese, ma tutti con il desiderio di lavorare e di migliorare le proprie condizioni economico-sociali.

"In questo momento in cui la disoccupazione giovanile in Italia supera il 40% e nel Sud arriva a superare anche il 50% – afferma mons. Gian Carlo Perego, direttore generale della Fondazione Migrantes – il rischio di una chiusura del Regno Unito anche ai comunitari puo’ portare a una forte penalizzazione della migrazione giovanile italiana, in crescita, come segnalano anche gli operatori pastorali delle nostre missioni cattoliche italiane a Londra, in particolare. I nazionalismi, le chiusure della politica rischiano di avere un effetto boomerang anche sull’emigrazione giovanile italiana ed europea. Purtroppo il rischio e’ che anche i migranti italiani nel Regno Unito costituiscano un problema e non una risorsa".