2 giugno, cocktail al Quirinale: quanti soldi sprecati – di Leonardo Cecca

Ho già definito il Presidente Mattarella un uomo da comportamenti clericali e sempre di più mi convinco che il termine è appropriato. Alterna, a seconda dei casi, esempi parsimoniosi a spese semplicemente inopportune. Aveva iniziato con l’uso dell’auto privata, poi con quello di un aereo di linea per poi inaugurare il supertreno ove veniva servito un pranzo luculliano.

Aveva anche rinunciato al vitalizio universitario e poi ora ci fa la sorpresa del cocktail al Quirinale del 2 giugno con tanto di pomposa passerella delle innumerevoli auto blu che a detta di Renzi erano pressochè scomparse.

Mi chiedo se il Presidente abbia idea di quanto è costato questo inutile ricevimento e quante cose utili ed urgenti si potevano fare col denaro speso: eppure di personale presso il Quirinale che dovrebbe saper far di conto ce ne dovrebbe essere a iosa ed anche allenato in quanto abituato a controllare i propri alti emolumenti.