Pensionati italiani a Santo Domingo, il MAIE interroga il governo: “Eliminare doppia tassazione”

I due deputati chiedono ai ministri “quali iniziative il Governo intenda adottare per promuovere una esaustiva e adeguata soluzione per porre fine a questa situazione che causa grave disagio ai pensionati italiani residenti nella Repubblica Dominicana”

Pensionati all'estero

Il Governo italiano dovrebbe “promuovere una esaustiva e adeguata soluzione” per eliminare la doppia tassazione sulle pensioni italiane percepite dagli anziani connazionali residenti in Repubblica Dominicana. È quanto sostengono Mario Borghese e Ricardo Merlo, deputati del MAIE eletti in Sud America, in una interrogazione ai Ministri degli Esteri Alfano, dell’Economia Padoan e del Lavoro Poletti.

“Già a partire dall’anno 2013 – ricordano i due parlamentari del Maie nella premessa – la Repubblica Dominicana sta seguendo un progetto della commissione affari fiscali del Consiglio economico e sociale (ECOSOC) delle Nazioni Unite, finalizzato a rafforzare le competenze dei Ministeri delle finanze e delle autorità nazionali competenti in materia fiscale dei Paesi in via di sviluppo, al fine di metterli effettivamente in grado di negoziare, interpretare e gestire i trattati sulle doppie imposizioni fiscali; tali tipi di trattati sono necessari per facilitare una intesa in merito allo scambio di informazioni che consentano alla Repubblica Dominicana e al Governo italiano di prevedere di riavviare contatti a livello tecnico al fine di proseguire la negoziazione di un trattato fiscale generale per la popolazione italiana che vive in tale Paese estero”.

“Secondo la legislazione fiscale italiana, per la precisione ai sensi dell’articolo 3, comma 1, del decreto del Presidente della Repubblica n. 917 del 1986, le pensioni corrisposte a persone non residenti in Italia da enti che, invece, hanno sede nel nostro Paese, o da stabili organizzazioni nello stesso territorio, sono imponibili in linea generale in Italia; la Repubblica Dominicana – spiegano – non risulta essere nelle liste dei Paesi a fiscalità privilegiata previste dalla legislazione italiana e nel report 2011 del Forum globale dell’Ocse per l’implementazione degli standard fiscali internazionali”.

DEPUTATI MAIE L’On. Ricardo Merlo, a sinistra nella foto, con l’On. Mario Borghese

“Negli ultimi tempi – aggiungono Merlo e Borghese – un numero incalcolabile, comunque diverse centinaia, di pensionati italiani residenti nella Repubblica Dominicana, percepisce pertanto sempre la pensione tassata in quanto ai sensi dell’articolo 23, comma 2, lettera a) del Testo unico italiano delle imposte sul reddito “si considerano prodotti nel territorio dello Stato, se corrisposti dallo Stato, da soggetti residenti nel territorio dello Stato o da stabili organizzazioni nel territorio stesso di soggetti non residenti””.

Per questo i due deputati chiedono ai ministri “quali iniziative il Governo intenda adottare per promuovere una esaustiva e adeguata soluzione per porre fine a questa situazione che causa grave disagio ai pensionati italiani residenti nella Repubblica Dominicana, soluzione che finalmente permette di soddisfare le loro incessanti richieste di aiuto economico, in quanto, per molti le attuali disponibilità economiche non sono sufficienti per condurre un’esistenza decorosa, neppure in tale Paese del Centro America” e “se vi siano motivi, e in caso affermativo quali, che ostino all’avvio di negoziati tra i due Stati per evitare le doppie imposizioni fiscali”. (Aise)